Violento terremoto in Cile

Terremoto in Cile
Terremoto in Cile

Si è verificato ancora una volta, ancora una volta il Cile ha tremato, ancora un violento terremoto: magnitudo 8.3! Non solo il Cile, ma anche i Paesi confinanti hanno avvertito chiaramente la forte scossa, in Argentina, Uruguay, Perù, Ecuador e persino in Brasile. La scossa si è verificata alle ore 19:54 ora locale (ore 0:54 italiane) seguita da una serie di altre forti scosse anche se di minore intensità: 7.1 alle 19:59, 6.1 alle 20:03, 6.8 alle 20:16, più altre scosse, nelle 5 ore successive alla prima scossa se ne sono verificate ben 32. L’epicentro è stato localizzato a 11 chilometri di profondità nella zona di Illapel, circa 200 km a nord di Santiago, la capitale, dove molti edifici hanno tremato con violenza provocando molta paura nei quasi 7 milioni di abitanti e molta gente è scesa in strada.

La paura è stata avvertita in tutto il Paese, da nord a sud, ed è stato diramato un’allerta tsunami che ha innescato l’ordine di evacuazione lungo tutta la costa, memori di quanto successo il 27 febbraio 2010 quando i morti furono 524. In effetti in qualche punto della costa, a nord della capitale, il mare si è ritirato per poi risalire e penetrare nella terra con onde alte più di quattro metri alla Serena, 470 km al nord di Santiago, e nel balneario di Pichidangui, un pò più vicino alla capitale. Il Ministero dell’Interno cileno ha annunciato che al momento si contano 5 morti, un milione di evacuati e 245mila famiglie rimaste senza corrente elettrica. La provincia di Choapa, la piu’ vicina all’epicentro, e’ stata dichiarata “zona di catastrofe”.

La presidente del Cile, Michelle Bachelet, ha detto “Ancora una volta dobbiamo affrontare un duro colpo della natura” ed ha annunciato che visiterà le zone colpite dal sisma per rendersi personalmente conto della situazione. La tv ha mostrato le immagini di persone terrorizzate in strada, edifici distrutti e strade allagate in alcune citta’ lungo la costa, in particolare a Coquimbo, la piu’ colpita dalle onde anomale. La citta’ di Constitucion, che nel 2010 venne rasa al suolo, oggi e’ stata completamente evacuata compresi gli ospedali e le prigioni.

Share
Precedente Renzi insiste e la minoranza PD può farlo cadere Successivo Encelado, luna di Saturno, ha un oceano di acqua liquida