Ritrovati i resti della biblica Sodoma?

Distruzione di Sodoma
Distruzione di Sodoma

Uno stimato archeologo del Trinity Southwest University di Albuquerque, New Mexico, è convinto di aver trovato i resti della biblica città di Sodoma. Colpito dal racconto biblico di una città fiorente distrutta improvvisamente dal fuoco, l’archeologo, il dr Steven Collins, ha cercato la sfortunata città per 10 anni ed ora è convinto di averla trovata: il sito dove sta lavorando è Sodoma.

Il cristiano News Network riporta che il dr Steven Collins nella sua ricerca ha usato gli indizi contenuti all’interno della Bibbia per meglio determinare la posizione della città condannata. Collins poi incrociato il testo biblico con le posizioni note delle città nella valle del fiume Giordano ed ha identificato una particolare città in grado di soddisfare tutti i criteri stabiliti per Sodoma nella Bibbia, compreso quello di stare nella più grande zona di pianura irrigua del Giordano dell’era del Medio Bronzo. La città individuata si chiama oggi Tall el-Hammam e Collins è convinto che questa era una volta la città chiamata Sodoma nella Bibbia e si trova a 14 km a nordest del Mar Morto. Collins fa notare che l’identificazione di Tall el-Hammam come la biblica città è stato un “gioco da ragazzi” per come si inserisce perfettamente nel testo biblico. “Tall el-Hammam sembrava soddisfare ogni criterio richiesto dal testo. Quando abbiamo esplorato la zona, la scelta di Tall el-Hammam come il sito di Sodoma era praticamente un gioco da ragazzi dal momento che era almeno da cinque a dieci volte più grande di tutti gli altri siti del’era del Bronzo in tutta la regione, anche oltre il bacino del Giordano.”

Anche se gli scavi del sito sono ancora in corso, i recenti risultati suggeriscono una “improvvisa ed  inspiegabile” fine della fiorente città. I resti delle infrastrutture della città, tra cui porte, torri, piazze, almeno una carreggiata, e uno spesso muro, indica una città che era grande e fiorente prima della sua scomparsa. Tuttavia, i resti indicano anche un “improvviso” abbandono, lasciando una città fantasma per oltre 700 anni. “Sulla base delle prove degli scavi, sembra che la città abbia vissuto il periodo d’oro durante l’era del Bronzo e sembra tuttavia essere arrivata ad una fine improvvisa e inspiegabile verso la fine del Medio Bronzo e l’antica città rimase deserta per 700 anni”. Questo improvviso abbandono della fiorente città coinciderebbe con il racconto della Bibbia, che Sodoma fu distrutta da Dio, e che quindi c’è stata una distruzione altrimenti sarebbe “inspiegabile”. Un’altra evidenza che combacia con il racconto biblico è che anche la presunta Sodoma fu distrutta da un incendio. Gli archeologi hanno trovato uno strato di cenere massiccia che indica che la città concluse il suo lungo regno come una potenza economica a causa di un grande incendio. Dopo la sua scomparsa, dicono gli archeologi, la città rimase vuota per quasi 700 anni.

Il dr Steven Collins si dice “sempre più fiducioso” che Tall el-Hammam è in realtà la biblica città di Sodoma e che lo strato di cenere distintivo potrebbe essere utilizzato per eseguire un confronto con il racconto biblico sulla fine della città, distrutta dal fuoco per mano di Dio “. Sarà vero che Tall el-Hammam è Sodoma? Sarà vero che fu distrutta da Dio con il fuoco? Un altro racconto della Bibbia che sembra rivelarsi come realmente accaduto?

Share
Precedente Il Sistema Solare conosciuto e distanze dal Sole Successivo Siria: spirano gelidi venti di guerra mondiale