Antichi denti umani potrebbero riscrivere la storia

Antichi denti umani
Antichi denti umani

Antichi denti umani sono stati recentemente scoperti in Cina e la scoperta scioccante potrebbe far riscrivere la storia umana. I 47 denti sono stati trovati in una cava di calcare in Daoxian nella provincia di Hunan, che si trova nel sud della Cina. I ricercatori che hanno esaminato i denti li hanno datati tra gli 80.000 ed i 120.000 anni di età.

Parlando con i media, Michael Petraglia, un archeologo dell’Università di Oxford, che non è stato coinvolto nello studio, ha dato la seguente dichiarazione a Nature: “Questo è sorprendente, è un grande risultato, E ‘uno dei reperti più importanti provenienti dall’Asia degli ultimi dieci anni.” La scoperta degli antichi denti umani in Cina suggerisce che l’Homo Sapiens è arrivato in Asia decine di migliaia di anni prima di quanto gli scienziati pensavano. Come spiegato in una relazione della CNN, la teoria largamente accettata della migrazione umana moderna, conosciuta come “Out of Africa“, si basa su dati scientifici disponibili che indicano che gli esseri umani moderni in origine erano in Africa ed hanno fatto la loro prima migrazione di successo per il resto del mondo in una singola ondata tra 50.000 e 70.000 anni fa. María Martinon-Torres, un paleoantropologo dell’University College di Londra, ha detto che i ricercatori non si aspettavano di trovare resti umani così antichi in Cina. Martinon-Torres, che ha co-condotto lo studio con Wu Liu e Xie-jie Wu presso l’Istituto di Paleontologia dei Vertebrati e Paleoantropologia a Pechino, ha detto che la squadra ha capito quasi subito che i denti appartenevano a Homo Sapiens. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Nature di questa settimana.

Questa è la prima volta che qualcuno ha dimostrato l’esistenza di esseri umani moderni in Cina prima di quanto si pensasse in precedenza. Nel 2011, Simon J. Armitage e i suoi colleghi hanno trovato prove che dimostravano che  l’Homo Sapiens aveva raggiunto l’Arabia circa 125.000 anni fa. Secondo Science Daily, Armitage, un ricercatore della Royal Holloway University of London, ha scoperto un antico kit di strumenti in pietra presso il sito archeologico di Jebel Faya negli Emirati Arabi Uniti. Aveva calcolato l’età degli utensili di pietra con una tecnica conosciuta come datazione luminescente ed ha stabilito che i manufatti avevano da circa 100.000 a 125.000 anni di età. “Questi umani anatomicamente moderni, come me e te, si erano evoluti in Africa circa 200.000 anni fa e successivamente avevano popolato il resto del mondo”, ha spiegato Armitage. “I nostri risultati dovrebbero stimolare una rivalutazione dei mezzi con cui noi esseri umani moderni siamo diventati una specie a livello mondiale”. Fino ad ora, le più antiche tracce di esseri umani moderni in Cina erano stati datati a 40.000 anni / 50.000 anni fa.

Gli antichi denti umani sono stati descritti come molto piccoli e semplici, con corone piatte e radici strette,  praticamente impossibile distinguerli dai denti dell’uomo moderno secondo i ricercatori. I denti umani sono stati scoperti in una grotta ed erano ben conservati in uno strato di sabbia, con ossa di oltre 30 diversi animali. Si prevede di estrarre il DNA da campioni di denti per far luce sulle origini del popolo Daoxian. Dal momento che i denti erano così vecchi, non è stato possibile utilizzare la datazione al carbonio per determinarne l’età, così i ricercatori hanno dovuto analizzare il vicino calcare e altri resti umani per scoprire quanti anni avevano. “Hanno un aspetto moderno, ma sono molto vecchi,” ha dichiarato Martinon-Torres. “E sono molto vecchi anche considerando il fatto che sono stati trovati in Cina”. Martinon-Torres è entusiasta del lavoro che il gruppo di ricerca ha fatto in Cina. La scoperta ci dice che le pratiche moderne sono state utilizzate dagli esseri umani nel sud della Cina 100.000 anni fa. ” E questa è solo la punta dell’iceberg”, conclude Martinon-Torres.

 

Share
Precedente DNA umano contiene geni e genoma alieni Successivo Ooparts: oggetti impossibili che non dovrebbero esistere