Basi aliene sulla Luna: altre foto e testimonianze

Un altro informatore NASA ha presentato una serie di immagini scattate dagli astronauti della missione Apollo che mostrano quello che sembrano essere basi aliene sulla superficie della Luna. Vecchie immagini della missione Apollo della collezione privata di un informatore della NASA conterrebbero l’ultima prova del’esistenza di basi aliene sulla superficie della Luna. Le immagini provengono dalla collezione privata di Ken Johnston, un ex tecnico avionico che ha lavorato con un certo numero di appaltatori della NASA durante le missioni Apollo. Durante la sua permanenza alla NASA, si è imbattuto in una serie di immagini scattate dagli astronauti durante le missioni Apollo sulla Luna che mostrano quello che sembrano essere basi aliene sulla superficie del nostro satellite.

Basi aliene sulla Luna
Basi aliene sulla Luna

Secondo i cacciatori di UFO del canale “Marte Luna Spazio TV”, un video caricato all’inizio di questo mese mostra un pacchetto di vecchie immagini, recentemente rilasciate, delle missioni  Apollo che sembrano dimostrare l’esistenza di basi aliene sulla superficie della Luna. Ken Johnston è ben noto tra i cacciatori di UFO, uno dei più importanti informatori della NASA che si è fatto avanti con prove di attività aliena sulla Luna. Nel video caricato da “Marte Luna Spazio TV”, Thomas Jensen parla di una delle immagini rilasciate dalla collezione di Johnston che mostrano: “Quello che si presenta come una base sulla Luna con le luci e le strutture ben visibili”. Secondo Richard Hoagland, che per primo ha visto la raccolta di immagini di Johnston della missione Apollo nel 1995, i tecnici delle immagini della NASA hanno modificato le immagini originali della Luna per decenni, nel tentativo di spazzolare ed eliminare da queste le strutture aliene che sono sparse in tutta la Luna. Secondo Hoagland e altri che sono riusciti a dare uno sguardo a quelle immagini, le scansioni di immagini della collezione di Johnston dalle missioni Apollo mostrano indubbiamente basi aliene sulla superficie della Luna, che sono state rimosse dalle immagini della superficie lunare a disposizione del pubblico.

Tuttavia, non tutti sembrano essere convinti da queste o altre immagini della superficie lunare in cui le strutture aliene sono apparentemente presenti. Indipendentemente da ciò che gli scettici potrebbero pensare, Johnston ha rivelato che gli era stato ordinato di distruggere le foto originali ma ha deciso di salvarle. Molti ufologi sostengono che l’ordine di distruggere quelle immagini è stato dato in quanto la NASA non vuole che la società possa vedere alcuna prova di strutture aliene sulla superficie lunare. Oltre a “Marte Luna Spazio TV”, il canale YouTube “Secure Team 10” ha anche messo in evidenza le immagini della missione Apollo di Johnston contenenti la prova di basi aliene sulla Luna in uno dei loro video. Le immagini in bianco e nero mostrano la navicella Apollo mentre sorvola la superficie lunare. Accanto al veicolo spaziale, sul lato inferiore sinistro dell’immagine ci sono misteriosi punti luminosi sulla superficie lunare che si crede possano far  parte delle basi aliene. Secondo molti, le luci viste nelle immagini sembrano essere disposte in modo tale che suggeriscono siano il prodotto di un disegno intelligente. Tuttavia, le immagini della collezione privata di Johnston non sono l’unica presunta prova di strutture aliene sulla Luna.

Una delle più famose immagini raffiguranti strutture aliene sulla Luna provengono dalla missione LCROSS della NASA sul nostro satellite. Il principale obiettivo della missione LCROSS era quello di esplorare la presenza di ghiaccio d’acqua in un cratere permanentemente in ombra nei pressi di una regione polare lunare. E’ stato lanciato insieme al Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) il 18 giugno 2009, nell’ambito del condiviso Lunar Precursor Robotic Program, la prima missione americana sulla Luna dopo oltre dieci anni. Ma simili luci misteriose sulla superficie lunare sono presenti in molte altre immagini e video. Non molto tempo fa “SecureTeam 10” ha pubblicato un video molto interessante che dimostra che ci sono una serie di basi aliene sulla Luna. Per dimostrare le loro affermazioni, SecureTeam10 ha registrato le coordinate delle strutture torreggianti sulla Luna: 21 ° 4 ‘2.23 N, 148 ° 39’12.30 “E. Se si guarda in quella zona, i cacciatori di Ufo sostengono che tre pilastri massicci sono visibili chiaramente gettando un’ombra sulla superficie della Luna.

Recentemente, un certo numero di funzionari di alto rango del governo, ex astronauti, personale militare e scienziati si sono fatti avanti per parlare del fenomeno UFO e la vita aliena. “Dopo aver viaggiato nello spazio, sono pienamente fiducioso che gli alieni ci guardano. Non so quanti, dove e come lo fanno, ma ci guardano, vediamo le loro navi in ogni momento” ha detto l’ex astronauta Edgar Mitchell. Edwin Eugene Aldrin, alias “Buzz” Aldrin, l’ex astronauta e ingegnere americano, si è espresso sul fenomeno UFO.  Buzz Aldrin  era il pilota del  Modulo Lunare durante la missione Apollo 11, ed è stato uno dei primi due esseri umani a camminare sulla superficie della Luna, il 21 luglio 1969 alle 03:15:16 UTC. Aldrin ha detto che: “Dall’Apollo 11 in rotta verso la Luna, ho osservato una luce fuori dalla finestra che sembrava muoversi insieme a noi . C’erano molte spiegazioni su ciò che poteva essere, ad eccezione di un altro veicolo spaziale di un altro paese o di un altro mondo”. Milioni di persone in tutto il mondo credono fermamente che gli astronauti americani hanno visto e registrato “vestigia di costruzioni umane dell’antichità” sulla Luna e fotografato alcune delle prove tecnologiche che si trovano sulla superficie portando poi sulla Terra queste immagini. Entrambi gli astronauti hanno accusato la NASA di avere manipolato le immagini originali della Luna per sostituirla con immagini false, dove erano stati cancellate le strutture esistenti sulla Luna.

 

Share
Precedente Gli ambiti tesori di re Salomone Successivo Tomba KV55: mistero sulla identità del faraone lì seppellito