E’ una fata quella strana creatura alata trovata in Messico?

Credete alla fate? Da bambini sicuramente si, qualche adulto ci crede ancora, ma la concezione di fata che abbiamo potrebbe essere ben diversa dalla realtà. Sogni? Realtà? Quale è il limite invalicabile? Tutti da bambini abbiamo sognato una fata ed abbiamo creduto ai molti racconti su di essa, immaginandola come una bella donna, ma crescendo ci siamo resi conto che era una creatura fiabesca, vedi la “Fata Turchina” di Pinocchio, qualcosa di irreale che cullava i nostri sogni. La realtà di oggi potrebbe essere molto più sconvolgente di quello che possiamo pensare, una fata potrebbe avere le fattezze di quella strana piccola creatura alata trovata in Messico sul ciglio di una strada da un ragazzino 13enne (come da foto).

E' una fata?
E’ una fata?

Sappiamo quello che state pensando, è la stessa cosa che inizialmente abbiamo pensato anche noi: la solita bufala! Ed invece, la curiosità ci ha portato ad approfondire e a scoprire che questa non è una bufala perché c’è un corpo fisico ed una serie di esami clinici che ne confermano l’autenticità. Naturalmente l’esistenza di elementi di prova non significa che si possano necessariamente trovare le risposte a tutte le nostre domande, ma almeno abbiamo qualcosa su cui lavorare. In secondo luogo, un ricercatore molto rispettato e credibile, LA Marzulli, ha speso una grande quantità di tempo per investigare ampiamente su questo caso. Le foto postate sul blog di LA Marzulli mostrano una strana creatura alata che non ha alcuna somiglianza con qualsiasi animale che la scienza attualmente conosca. LA Marzulli non ha scoperto personalmente la creatura, è stata originariamente scoperta sul lato di una strada da un 13enne messicano che non sapeva cosa fosse. Il ragazzo ha consegnato la strana creatura a un noto giornalista investigativo messicano di nome Jaime Maussan. Da allora la misteriosa creatura è stata passata ai raggi X, e le radiografie hanno permesso ai ricercatori di vedere che questa possedeva una struttura scheletrica piena. I raggi X hanno mostrato anche che la gamba sinistra della creatura era stata spezzata a un certo punto. Inoltre, è stato eseguito il test del DNA in cinque diversi laboratori di biologia molecolare in varie parti del mondo. Si scopre che sia il DNA mitocondriale che il DNA nucleare non mostrano corrispondenze con altre specie conosciute sulla Terra (link video a fine articolo).

Secondo Jaime Maussan, uno dei ricercatori UFO latinoamericani più importanti, la strabiliante creatura assomiglia stranamente ad una fata. Una fata? Questa creatura alata è certamente piccola ed ha certamente le ali, ma in realtà non corrisponde alla descrizione di quello che ci si potrebbe aspettare come fata, per assomigliare, invece, sembra rappresentare il male in modo abbastanza raccapricciante. Ha orecchie a punta e assomiglia più a un insetto che ad una persona. Qualcuno pensa sia di origine aliena, o un essere ibrido, ma, naturalmente, questa etichetta è quasi istantaneamente applicata a qualsiasi strana creatura che appare oggi. La creatura ha una parvenza di viso umano, forse dei capelli, ha una specie di coda che termina con un pungiglione e, soprattutto, ha le ali. Potrebbe essere una creatura “costruita”, secondo Jaime Maussan, ma da chi e con quale scopo? Questa creatura alata può avere ramificazioni soprannaturali? LA Marzulli e altri ricercatori hanno sottolineato che questa creatura alata che è stata scoperta in Messico sembra avere alcune somiglianze con le “cavallette” che sono descritte in Apocalisse capitolo 9:7-11. “7  E le sembianze delle locuste somigliavano a cavalli preparati per la battaglia; e sulle loro teste [c’erano] come corone simili all’oro, e le loro facce [erano] come facce di uomini, 8  ma avevano capelli come i capelli delle donne. E i loro denti erano come quelli dei leoni; 9  e avevano corazze simili a corazze di ferro. E il suono delle loro ali [era] come il suono dei carri di molti cavalli che corrono alla battaglia. 10  E hanno code e pungiglioni come gli scorpioni; e nelle loro code è la loro autorità di danneggiare gli uomini per cinque mesi. 11  Esse hanno su di loro un re, l’angelo dell’abisso. Il suo nome in ebraico è Abaddon, ma in greco ha nome Apollion”.

Quindi sì, l’esistenza di questa fata, una strana creatura alata che assomiglia a qualcosa di un altro mondo, può essere difficile da digerire, ma questo potrebbe essere solo la punta di un iceberg. Se stiamo davvero vivendo gli ultimi giorni, come descritto nella Bibbia, allora il nostro mondo sta per diventare molto, molto strano e diverso per gli anni a venire, e non stiamo assistendo ad un film di fantascienza che molti non avrebbero il coraggio di immaginare…

Video sulla creatura alata       https://www.youtube.com/watch?v=3UD4ET6fuZw

 

Share
Precedente Gli angeli caduti del turismo sessuale nelle Filippine Successivo Science Report e Alternativa 3: uno scherzo o una mezza verità?