Nativi americani Hopi profetizzano una imminente fine del mondo

Ci sono tante profezie sulla fine del mondo, molte sono fantasiose o criptiche, altre sono più realistiche ed attuali, come quella della tribù degli Hopi.

Fine del mondo secondo gli Hopi
Fine del mondo secondo gli Hopi

Molti sorrideranno sulle profezie giudicandole pura fantasia o interpretazione errata di certe frasi, le profezie di Nostradamus e Malchia sono le più famose, ma quando si tratta della fine del mondo, anche inconsciamente, tutti drizzano le orecchie perché in fin dei conti è in ballo la nostra vita. La tribù dei nativi americani Hopi ha predetto otto eventi globali con assoluta precisione ed hanno inoltre previsto, nella 9° ed ultima profezia, la fine del mondo, che il mondo attuale, il Quarto Mondo, sarà spazzato via da un evento catastrofico causato da un asteroide e che dalle rovine della distruzione globale emergerà un nuovo mondo, una New Age, il Quinto Mondo. Aspettate a sorridere, dovete sapere che le precedenti otto profezie degli antenati Hopi si sono perfettamente realizzate e che ci sono crescenti timori tra i credenti e gli studiosi delle profezie Hopi che l’adempimento della nona ed ultima profezia è inevitabile e imminente, la fine del mondo.

Secondo le tradizioni tribali, i tre mondi precedenti si sono conclusi catastroficamente. Ora stiamo vivendo nel Quarto Mondo, o quarta Dispensa, e anche per l’attuale è stata profetizzata una fine catastrofica. Il primo uomo bianco a conoscere le nove profezie degli antenati Hopi era un missionario cristiano, il reverendo David Young, che ha incontrato un anziano Hopi chiamato Piuma Bianca nel 1958. Secondo Frank Walters, nel suo “Libro degli Hopi” del 1963, Young ha incontrato Piuma Bianca, un anziano della tribù Hopi, mentre guidava su un tratto di strada deserta, nell’estate del 1958. Si è fermato e ha offerto un passaggio a Piuma Bianca. Dopo un breve silenzio, l’anziano Hopi si presentò come White Feather (Piuma Bianca), un Hopi dell’antico Clan dell’Orso. Mentre conversavano, l’anziano Hopi ha detto a Young che era vecchio e morente. Ha deplorato che gli Hopi avevano abbandonato le tradizioni dei loro antenati e che le nuove generazioni non hanno voluto imparare le vie della saggezza dei loro antenati, tra cui le nove profezie Hopi. Piuma Bianca ha raccontato a Young delle nove profezie Hopi, sette delle quali si erano avverate al momento del loro incontro.

Secondo Piuma Bianca, gli antenati Hopi avevano previsto l’arrivo dell’uomo bianco. “Ci è stato detto della venuta dell’uomo bianco, che sembra Pahana, ma non vive come Pahana … e uccide i suoi nemici con un tuono”. Tuono è stato presumibilmente riferito a pistole. Gli antenati, secondo Piuma Bianca, hanno anche previsto che “le nostre terre vedranno l’arrivo di filanti ruote piene di voci,” presumibilmente un riferimento ai coloni bianchi che viaggiavano attraverso le praterie in carri con le loro famiglie alla conquista dell’America. Gli antenati Hopi hanno anche predetto l’avvento di una “strana bestia come un bufalo, ma con grandi corna lunghe che invase la terra in gran numero”, presumibilmente un riferimento al pascolo del bestiame introdotte in gran numero dagli invasori europei. La quarta profezia degli anziani è stata che “la terra sarà attraversata da serpenti di ferro”, che si ritiene essere un riferimento alla ferrovia che i coloni bianchi hanno costruito in tutto il continente nordamericano. Secondo la quinta previsione, la “terra sarà attraversata da una tela di ragno gigante”. Questo si crede sia un riferimento ai cavi della energia elettrica e delle linee telefoniche. La sesta previsione era che il paese sarà “attraversato da fiumi di pietra che rendono le immagini sotto il sole”. Questo si crede sia un riferimento alle moderne strade che portano traffico automobilistico.

Secondo gli studiosi delle profezie Hopi, la sesta profezia si è avverata nel momento in cui Piuma Bianca ha incontrato Young nel 1958. La settima delle profezie Hopi dice: “Tu sentirai parlare di mare diventato nero, e molte cose viventi muoiono a causa di esso”.  Gli studiosi ritengono che questa settima profezia si sia avverata nel 2010 con la disastrosa perdita di petrolio nel Golfo del Messico. L’ottava profezia dice che “si vedranno molti giovani, che sfoggiano i loro capelli lunghi come la mia gente, vengono ad unirsi alle nazioni tribali per imparare i loro modi e la loro  saggezza”. Questa dovrebbe essersi avverata con la contro-cultura o Movimento Hippie del 1960 e 1970, ma un compimento futuro è ancora possibile. Poi arriva la finale nona previsione ancora non avverata. Molti credono paurosamente che la profezia si riferisca ad un futuro catastrofico impatto con un asteroide o una cometa che causerà la fine del mondo. “Si sentirà di una dimora nei cieli, sopra la terra che vi toccherà con un grande schianto”, dice la temuta nona profezia, “E questa (la dimora nei cieli) apparirà come una stella blu. Molto presto dopo questo, le cerimonie del mio popolo cesseranno”.

Anche se, sembra chiaro che la profezia si riferisce a una roccia spaziale che andrà in crash sulla Terra e provocando una catastrofe globale, alcuni hanno messo in discussione l’interpretazione e hanno proposto interpretazioni alternative. Il primo suggerimento è che si potrebbe fare riferimento al satellite cinese Tiangong-1 che potrebbe schiantarsi sulla Terra in un prossimo futuro. Alcuni credono fermamente che la profezia è un riferimento al satellite spaziale cinese perché il nome “Tiangong” significa “palazzo celeste,” apparentemente menzionato nella profezia come la “dimora nei cieli sopra la Terra”. Ma altri sostengono che la profezia si è già avverata quando la stazione spaziale della NASA Skylab si è schiantata sulla Terra l’11 luglio 1979. Tuttavia, l’affermazione che si riferisce ad una massiccia roccia spaziale che andrà in crash sulla Terra nel prossimo futuro, è più ampiamente accettata, sulla base dei dati della profezia che parla di un “grande distruzione a venire” e della fine del mondo (il Quarto). “Questi sono i segni che grande distruzione sta arrivando”, dice la profezia, “Il mondo deve oscillare avanti e indietro. L’uomo bianco combatterà contro altre persone in altri paesi, con coloro che possedevano la prima luce della saggezza. Ci saranno molte colonne di fumo e fuoco”. Il vecchio Hopi ha anche detto a Young sulla profetizzata venuta di Pahana, “il perduto Fratello Bianco delle stelle”, che si presenta come l’uomo bianco, ma non è lo stesso uomo bianco perché non voleva “essere il più avido e crudele come l’uomo bianco”.

Molti cristiani credono che questo sia un punto di riferimento per la seconda venuta di Gesù. Pahana sarebbe venuto alla fine del quarto mondo per annunciare l’alba del Quinto Mondo nel periodo post-apocalittico dopo la grande distruzione, secondo la nona profezia. “Pahana tornerà. Egli porta con sé l’alba del Quinto Mondo”, disse Piuma Bianca, “Egli pianterà i semi della sua saggezza nei loro cuori. Anche ora i semi sono stati piantati. Questi devono spianare la strada alla nascita nel Quinto Mondo”. “Ma Piuma Bianca non vedrà (la venuta del Pahana), sono vecchio e morente. Forse voi lo vedrete … “. Young ha detto che tutti gli anziani Hopi conoscono le profezie e sono in attesa del compimento della nona profezia e la venuta di Pahana. I credenti hanno dibattuto la fonte delle profezie, con alcuni che suggeriscono che le previsioni potrebbero essere state rivelate agli antenati Hopi dagli alieni che viaggiano nel tempo raffigurati in alcuni disegni rupestri Hopi come il “popolo delle formiche”. I credenti dicono che il “popolo di formiche” erano, infatti, esseri extraterrestri che hanno visitato gli antenati Hopi in un lontano passato e li ha aiutati a migrare attraverso ponti di terra nel Nuovo Mondo.

Share
Precedente Ritrovata nel Mare Artico una nave scomparsa da 170 anni Successivo Intervista ad un ex astronauta: la vita e la morte nell’universo