Il ragazzo nato con la testa reclinata all’ingiù

Un ragazzo indiano nato con la testa reclinata all’ingiù è stato curato grazie ad una sconosciuta di buon cuore che ha finanziato la sua delicata operazione.

Mahendra Ahirwar, prima e dopo
Mahendra Ahirwar, prima e dopo

Mahendra Ahirwar, 13 anni, da Madhya Pradesh nell’India centrale, soffriva di una malattia rara che vedeva la sua testa reclinata all’ingiù pendere con un angolo di 180 gradi. Questo significa che il suo collo era costantemente piegato ed era limitato a stare solo in posizione seduta, incapace di stare in piedi o camminare, a causa della sua spina dorsale debole. Il giovane ragazzo poteva solo strisciare e aveva bisogno di aiuto per mangiare e andare in bagno. I suoi genitori, Mukesh Ahirwar, 41 anni, e Sumitra Ahirwar, 36 anni, che lavorano come operai, avevano inutilmente contattato più di 50 medici in tutto il paese, ma nessuno era stato in grado di diagnosticare la condizione del loro figlio. Disperati, hanno anche ammesso che avrebbero preferito il figlio morto piuttosto che vederlo continuare a soffrire per il dolore per la testa reclinata all’ingiù.

Ma grazie a un intervento chirurgico che cambia la vita, completato da un ex chirurgo NHS, che ha raddrizzato il collo di Mahendra, il ragazzo adesso è in grado di mangiare e bere da solo. Il chirurgo spinale Dr Rajagopalan Krishan di un ospedale di Delhi ha eseguito l’operazione dopo che una generosa madre di due figli, Julies Jones da Liverpool, ha versato l’incredibile somma di 12.000 sterline attraverso una pagina di finanziamento pubblico. Mehendra e la sua famiglia si sono recati all’Apollo Hospital dove il Dr Krishan ha eseguito una estenuante operazione di 10 ore. Il chirurgo ha estratto i dischi dal collo del ragazzo e li ha sostituiti con un innesto osseo del suo bacino. Il Dr Krishna poi ha fissato il tutto con una placca di metallo per garantire al collo di rimanere dritto.

Dopo due settimane in ospedale, la guarigione di Mehendra è stata miracolosa e lui ora è finalmente in grado di giocare con i suoi amici e imparare a leggere e scrivere e la testa reclinata all’ingiù resterà solo un brutto ricordo. Il ragazzo dovrà indossare un collare per circa sei mesi. Mahendra ha detto: “Non avevo nessuna speranza di ottenere una vita migliore, ma ora sto bene e i miei sogni si sono realizzati. Voglio avere successo nella vita ora”. E adesso spera che un giorno sarà in grado di frequentare la scuola.

 

Share
Precedente Intervista ad un ex astronauta: la vita e la morte nell’universo Successivo Oopart: trovati in Cina tubi di 150 mila anni fa