Nel 1178 cinque monaci a Canterbury hanno visto la Luna esplodere

Cinque monaci a Canterbury hanno visto la Luna esplodere nel 1178. Sappiamo che la Luna non è mai esplosa, semmai è stata colpita più volte da asteroidi che hanno provocato molti crateri, ma allora cosa hanno visto a Canterbury nel 1178?

La Luna esplose nel 1178
La Luna esplose nel 1178

“… Fuori la metà della sua divisione, una torcia ardente balzò, buttando fuori una lunga strada, fiamme, braci, e scintille. Come pure, il corpo della Luna, che era più basso, contorto come se ansioso, e nelle parole di coloro che mi hanno detto e aveva visto con i propri occhi, la Luna palpitava come un serpente preso a pugni. Dopo questo, è tornata al suo stato corretto … “. La Luna è senza dubbio, uno degli oggetti più enigmatici del cielo e migliaia di anni fa le antiche civiltà hanno osservato il cielo guardando con soggezione la fedele compagna della Terra. Da tempo immemorabile la Luna è stata anche oggetto di numerosi miti e strane teorie, ai giorni nostri anche quella degli UFO e delle civiltà extraterrestri. Ma è interessante notare che, nel 1178, un gruppo di monaci a Canterbury ha osservato come la Luna “improvvisamente esplose in scintille prendendo un aspetto nerastro”.

Se guardiamo la storia, ci si renderà conto che in tutti i tempi l’uomo ha scambiato eventi astronomici per segni soprannaturali. Nei tempi antichi, questi eventi sono stati considerati presagi, e di tanto in tanto, le strane luci osservate nel cielo sono state interpretate come segni del male. Anche la misteriosa ed affascinante storia della Luna nera è uno di questi segni malefici e si predisse anche la fine del mondo. Ma, misteriosamente, il 18 giugno del 1178, cinque monaci a Canterbury stavano osservando una Luna affascinate e vicina, mentre guardavano il cielo, hanno assistito ad un evento incredibile e mai visto che hanno descritto di conseguenza: “… Quest’anno la Domenica che precede la festa di San Giovanni Battista, dopo il tramonto, quando la Luna è stato visto, un meraviglioso segno è stato visto da cinque o più uomini seduti di fronte. Ora, c’è stata una nuova Luna chiara, come era solito in quella fase, le corna estese ad est, ed ecco improvvisamente il corno superiore è stato diviso in due. Fuori dal centro della sua divisione, una torcia ardente balzò, buttando fuori una lunga strada, fiamme, braci, e scintille. Come pure, il corpo della Luna, che era più basso, contorto come se ansioso, e nelle parole di coloro che mi hanno detto e aveva visto con i propri occhi, la Luna palpitava come un serpente preso a pugni. Dopo questo, è tornata al suo stato corretto … “

Allora, cosa hanno osservato a Canterbury nel 1178? La Luna è davvero esplosa? Secondo i ricercatori, non hanno in realtà assistito all’esplosione della Luna, ma hanno osservato un enorme impatto di un grande corpo celeste che si è schiantato contro la Luna, formando quello che oggi conosciamo come il cratere Giordano Bruno. Tuttavia, ci sono altri ricercatori che non sono d’accordo dicendo che un impatto di tale portata avrebbe scagliato i detriti verso la Terra, il che avrebbe comportato avvistamenti da più persone sulla Terra, e non solo di alcuni monaci. Gli studi hanno dimostrato che l’impatto avrebbe lanciato 10 milioni di tonnellate di materiale espulso verso l’atmosfera terrestre nelle settimane successive. Secondo un rapporto della NASA, un tale impatto avrebbe innescato una settimana di tempesta di meteoriti sulla Terra, eppure non ci sono resoconti di una tale tempesta in qualsiasi memoria storica a conoscenza, anche europeo, cinese, arabo, giapponese e archivi astronomici coreani.

Paul Withers della University of Arizona Lunar and Planetary Laboratory, ha riportato la sua analisi e altri test delle ipotesi nel numero di questo mese di Meteoritics and Planetary Science. Secondo molti, se vogliamo spiegare ciò che i monaci hanno visto da un punto di vista scientifico, allora la spiegazione più plausibile è che i monaci hanno probabilmente assistito all’esplosione di una massiccia meteora nell’atmosfera. Dal punto di osservazione dei monaci, e solo dal loro, avrebbero avuto la sensazione come se la Luna fosse esplosa, mentre le persone che osservavano da altre parti avrebbero individuato il fenomeno, ma solo come una brillante stella cadente. Paul Withers ha concluso: “Ho calcolato che questo causerebbe una settimana di tempesta di meteore paragonabile al picco delle Leonidi del 1966. Dieci milioni di tonnellate di roccia avrebbero inondato tutta la Terra con pezzi di materiale espulso di circa un centimetro (frammenti di 2,5 centimetri di dimensione) per una settimana, equivalente a 50.000 meteore ogni ora. E sarebbero molto luminose, molto facile da vedere. Sarebbe stato una vista spettacolare! Tutti intorno al mondo avrebbe avuto la possibilità di vedere il miglior spettacolo pirotecnico nella storia. Penso che è capitato loro di essere al posto giusto al momento giusto per osservare in alto nel cielo e vedere una meteora che era direttamente di fronte alla Luna, proveniente direttamente verso di loro. Questo spiegherebbe il motivo per cui solo cinque persone hanno detto di averlo visto. Immaginate di essere a Canterbury in quella sera di giugno e di vedere la Luna avere convulsioni e spruzzare fuoco e roccia fusa nello spazio, il ricordo di questo avvenimento vivrebbe con te per il resto della tua vita”.

Naturalmente la Luna non è mai esplosa perché sulla Terra avremmo avuto conseguenze catastrofiche, ma i monaci a Canterbury hanno visto un qualcosa di molto particolare e lo hanno osservato per qualche secondo. Quanto è probabile che altre persone possono avere visto la strana esplosione nello stesso lasso di tempo e nel medesimo orizzonte? E se, azzardiamo una ipotesi fantascientifica, avessero assistito ad una breve battaglia tra due navi spaziali? L’esplosione ci sarebbe stata nello spazio davanti alla Luna e non ci sarebbero detriti che cadono sulla Terra “e dopo questo, è tornata al suo stato corretto … “.

 

Share
Precedente Le scomode verità del terremoto di Messina e Reggio del 1908 Successivo Cura per la HIV pronta? Malattia scompare dal sangue di un inglese