La sfera Betz rimane un mistero decenni dopo la sua scoperta

Avete mai sentito parlare della sfera Betz? È solo uno dei molti strani oggetti scoperti sulla Terra che sfidano completamente le spiegazioni e la ragione.

Misteriosa sfera Betz
Misteriosa sfera Betz

Da tempo immemorabile le persone si sono imbattute in oggetti misteriosi che, a detta di molti, sono la prova conclusiva dell’esistenza sulla Terra di civiltà extraterrestri, o di civiltà perdute, o di viaggiatori del tempo. Molte volte, la storia ha dimostrato che i nostri antenati erano molto più avanzati di quello che abbiamo mai creduto. Tuttavia, in molte occasioni differenti, siamo rimasti perplessi dal mistero e l’intrigo di queste scoperte sconcertanti e spesso strane, la maggior parte delle quali non possono essere spiegate dalla scienza moderna. Tra i tanti strani oggetti rinvenuti sulla Terra c’è la sfera Betz. Trovata nel 1974, la strana sfera metallica è diventata il centro dell’attenzione negli Stati Uniti. Dopo varie prove effettuate sulla sfera Betz, detta anche “sfera aliena”, gli esperti hanno concluso che l’oggetto era una sfera magnetica sensibile ai campi magnetici, a numerosi emissioni sonore e a stimolazione meccanica. La sfera era di circa 1,5 cm di spessore ed è stata in grado di resistere a una pressione di 120.000 libbre per pollice quadrato, concludendo che era composta da acciaio inossidabile, in particolare una magnetica lega ferrosa # 431. L’acciaio 431 è un acciaio lavorabile e realizzabile con aggiunta di nichel che lo indurisce mentre elimina la sgradita ferrite delta.

La sfera Betz è un oggetto che non è mai stato pienamente spiegato dagli esperti, anche se sono state proposte numerose teorie. Tra le molte teorie, ci sono alcuni che suggeriscono che, dato le caratteristiche peculiari, l’artefatto potrebbe essere un oggetto extraterrestre. La sfera è stata scoperta nel 1974 da Terry Mathew Betz, da cui il nome sfera Betz, uno studente di medicina, che ha scoperto l’oggetto dopo un grande incendio che aveva distrutto una vasta area di una foresta vicino alla sua casa a Jacksonville. L’oggetto, di circa 20 cm di diametro, era in perfette condizioni e aveva un triangolo misterioso raffigurato sulla sua superficie. La famiglia Betz ha concluso che era probabilmente un pezzo di un satellite o di equipaggiamento militare, tuttavia, non vi era alcun cratere causato dall’impatto o qualsiasi altro segno di danni all’ambiente circostante. Solo un incendio enorme. Poi le cose strane cominciarono ad accadere. Secondo quanto riferisce la famiglia, la sfera metallica sembrava reagire a determinate note musicali. Strano? C’è più. La famiglia Betz ha riferito un comportamento strano dal cane di famiglia. Questo strano comportamento è stato attribuito a un’onda ad alta frequenza proveniente dall’oggetto, al di fuori del campo uditivo degli esseri umani. Come se tutto questo non fosse abbastanza strano, la famiglia ha riferito che se la sfera veniva posta sul pavimento e spinta, cambiava direzione dalla propria e tornava al punto di partenza.

Il Jacksonville Journal ha inviato un fotografo, Lou Egner. La signora Betz gli disse di mettere la sfera sul pavimento: “Questa rotolò un po’ e poi si fermò. Dopo un minuto è tornata a rotolare. Rotolò a destra per circa 2 metri e si fermò. Poi si girò di nuovo e rotolò verso sinistra per circa 4 metri, poi ha fatto un grande arco ed è tornata al punto di partenza”. Inoltre, uno strano suono si sentiva provenire dall’interno della sfera. Tutte queste affermazioni sono state confermate da un giornalista del Tampa Bay Times. Ma i media non erano gli unici interessati alla sfera. La Marina degli Stati Uniti, così come la NASA, si dice che abbiano mostrato interesse quando è stata trovata la sfera Betz, e, anche se agli inizi la famiglia aveva rifiutato di dare la sfera alla Marina Militare o alla NASA, alla fine l’hanno consegnata alla Marina a causa dei molti fenomeni inspiegabili che circondavano l’oggetto. Chris Berninger, portavoce della Marina degli Stati Uniti, dopo aver ricevuto la sfera ha detto: “I nostri primi tentativi di raggi X non ci ha portato da nessuna parte. Abbiamo intenzione di usare una macchina più potente su di essa e anche eseguire un test spettrografo per determinare di quale metallo è fatta. C’è sicuramente qualcosa di strano”. Tante più prove sono state eseguite, tanto più perplesse erano le persone.

Ulteriori test hanno rivelato che la sfera Betz è di circa mezzo pollice di spessore ed è in grado di resistere a una pressione di 120.000 libbre per pollice quadrato, concludendo che è composta da acciaio inossidabile, in particolare una magnetica lega ferrosa #431. È interessante notare che questa lega ha migliorato la resistenza alla corrosione e la durezza come acciaio inossidabile temprato. La sua resistenza alla corrosione lo rende ideale per applicazioni marine e aeree. Questa lega è utilizzata come elemento di fissaggio e raccordi per aeromobili e dovrebbe essere considerata per le parti strutturali in atmosfere marine. Il Dr. James Albert Harder, professore emerito di ingegneria civile e idraulica presso l’Università della California a Berkeley, ha mostrato interesse nella misteriosa sfera. Egli ha affermato, sulla base di studi ai raggi X, che le due sfere interne sono realizzate da elementi molto più pesanti di qualsiasi cosa nota alla scienza. Mentre l’elemento più pesante oggi prodotto in qualsiasi reattore atomico sulla Terra ha un numero atomico 105, e l’elemento più pesante naturale sulla Terra è l’uranio, con un numero atomico 92, gli elementi che compongono la sfera Betz hanno inaspettati numeri atomici superiori a 140. Se si dovesse forare la sfera, egli ha affermato, “forse le masse andrebbero in criticità e farebbero esplodere la sfera come una bomba atomica”.

Oltre a numerosi test, la cosiddetta “sfera dallo spazio” è stata esaminata anche dal Dr. Carl Williston di Omega Minus One, un istituto con sede nello stato della Louisiana. Durante le sue sei ore di test, il Dr. Williston ha trovato che la sfera conteneva tre poli magnetici e un possibile quarto. Il Dr. Carl Williston affermato che l’aspetto del campo magnetico era un rompicapo, la densità di flusso del campo sembrava variare nella forza sulla base di un modello sconosciuto. In parole semplici, la forza del flusso magnetico andava su e giù. Nel 1974 questo fenomeno non faceva parte della nostra fisica conosciuta. Lo stesso vale per i poli multipli. Prove ai raggi X hanno rivelato più misteri. La sfera Betz sembrava una bambola matrioska russa, solo dallo spazio esterno. Un mistero è stato nascosto dentro un altro, e un altro mistero nascosto in un altro ancora. I raggi X hanno rivelato 3 forme sferoidali simili all’interno della sfera. Curiosamente, queste 3 forme avevano un “alone” che li circondava, come se fossero circondate da un materiale con densità diversa. Il metallo era simile all’acciaio inossidabile, ma aveva alcuni contenuti sconosciuti che lo rendevano un po’ diverso. Perplessi per la sua composizione e le sue caratteristiche, gli esperti hanno concluso che questo insolito oggetto era una sfera magnetica sensibile ai campi magnetici, con numerose emissioni sonore, e stimolazione meccanica. Era sia passiva che attiva. Se era una sonda extraterrestre potrebbe eventualmente essere stata danneggiata. Ma chi, come e quando ha realizzato la sfera Betz rimane sempre un mistero insoluto.

Share
Precedente Un uomo perde 46 kg con la sua personale dieta di patate Successivo Atlantide: si trova sotto lo strato di ghiaccio dell'Antartide?