Atlantide: si trova sotto lo strato di ghiaccio dell’Antartide?

Atlantide, il mitico continente perduto citato persino da Platone, potrebbe essere stato finalmente individuato, potrebbe non essere più leggenda ma storia.

Atlantide in Antartide
Atlantide in Antartide

Da sempre si è parlato di questo mitico continente abitato da una razza superiore, forse gli déi dello spazio, dove fioriva una civiltà incredibilmente avanzata e sparito in seguito ad un tremendo cataclisma, si presume inabissato in un punto indefinito del globo terrestre. I cacciatori di Atlantide hanno invano cercato di individuare le mirabolanti città ricche di tesori e tecnologia e qualcuno dice di avere individuato la posizione ma senza poterlo dimostrare. Anche Adolf Hitler cercava Atlantide con lo scopo di impossessarsi della tecnologia e delle potenti armi in grado di dominare il mondo. Adesso, in base ad antiche mappe ed alla “teoria dello spostamento dei poli”, oltre alle immagini satellitari di Google Earth, si pensa di avere individuato il continente dei sogni, la mitica Atlantide.

Nel 1958 lo storico Charles Hapgood ha proposto la sua “teoria dello spostamento dei poli”. Secondo questa ipotesi i movimenti della crosta terrestre hanno reso possibile per le grandi aree del continente antartico di essere stato privo di ghiaccio circa 12.000 anni fa. Hapgood riteneva che la sua teoria era saldamente sostenuta e basata sulla mappa di Piri Reis, scoperta in Turchia nel 1930. Questo documento si ritiene sia stato creato intorno al 1513 e mostra quella che sembra essere la costa settentrionale dell’Antartide come un vasto territorio libero dai ghiacci. In “Mappe degli antichi re del mare” Hapgood ha sostenuto l’ipotesi fatta da Arlington Mallery che parte della  mappa di Piri Reis che raffigura una superficie dell’Antartide conosciuta come Terra della Regina Maud. Inoltre, Hapgood ha concluso che “l’Antartide è stata mappata quando queste parti erano libere dai ghiacci”, partendo dal punto di vista che un periodo di riscaldamento antartico ha coinciso con l’ultima era glaciale nell’emisfero settentrionale, e che la mappa di Piri Reis e altre mappe erano basate su antiche mappe originali del periodo pre-glaciale.

Anni dopo, numerosi ricercatori e autori suggeriscono che l’ipotesi dello storico non solo è vera, ma alla luce di queste informazioni, è possibile affermare che il continente perduto di Atlantide si nasconde sotto gli spessi strati di ghiaccio dell’Antartide. Curiosamente, la prima menzione storica di Atlantide si trova nel lavoro di filosofo greco Platone, che si riferisce alla città come un santuario costruito da una specie ibrida tra déi ed esseri umani, 9.000 anni prima del suo tempo. Queste date coincidono con quelli previsti dalla ” teoria dello spostamento dei poli “. Ma la mappa di Piri Reis è una semplice coincidenza? La mappa di Piri Reis è stato composta intorno al 1513, e oltre a visualizzare l’Antartide senza ghiaccio, raffigura con precisione la geografia del continente americano, con tale precisione che sembra come se fosse stato messo insieme con l’aiuto di fotografie aeree. È interessante notare che questa mappa è stata esaminata dall’Ufficio Idrografico della Marina degli Stati Uniti, dove è stata confermata la sua autenticità. La mappa si è dimostrata autentica ed è così precisa che è stata presumibilmente utilizzata per correggere gli errori in alcune mappe moderne. Tuttavia, non è l’unica mappa che ritrae l’Antartide come un continente privo di ghiaccio. Ad esempio, un altro grafico affascinante è la mappa Hadji Ahmed, pubblicata nel 1559. Questa mappa mostra incredibili delineazioni accurate della costa occidentale del Nord America e l’Antartide. Ciò che è ancora più affascinante è il fatto che questa antica mappa mostra una connessione di terra, un “ponte”, tra la Siberia e l’Alaska, indicando che ha avuto origine in un periodo in cui il ponte era ancora presente.

Pubblicata nel 1737 da  Philippe Buache, la mappa Buache si pensa sia stata creata con l’uso di mappe molto più antiche. Questo grafico mostra l’Antartide ben prima che il continente di ghiaccio  fosse stato scoperto. È interessante notare che, come molte altre antiche mappe, questa descrive anche con precisione l’Antartide senza ghiaccio. La mappa del mondo Oronce Finé, creata nel 1534, è un grafico che mostra le caratteristiche dell’Antartide quando il continente non era coperto da ghiaccio. Mentre è ancora un’altra mappa che mostra il continente prima che fosse ufficialmente scoperto, il grafico mostra anche fiumi, valli e coste del continente, raffigurando la posizione approssimativa di ciò che è oggi Polo Sud. Sulla base di queste e altre controverse scoperte, Hapgood ha concluso che la conoscenza cartografica avanzata che appare sulla mappa di Piri Reis e la mappa Oronteus Finaeus, deve essere il risultato di uno sconosciuta civiltà antica che ha sviluppato conoscenze scientifiche avanzate prima di altre civiltà come la Grecia, Atlantide, forse? Nel 2013, Google Earth ha mostrato le immagini di strutture piramidali sporgenti dal ghiaccio in Antartide, che un tempo ha confuso gli scienziati, perché sembravano essere costruzioni artificiali.

Si dice anche che Adolf Hitler era a conoscenza di una civiltà antica sotto il ghiaccio, ed ha presumibilmente costruito una base segreta sul continente. E’ noto che durante la seconda guerra mondiale, i nazisti hanno effettuato una serie di strani esperimenti con presunte tecnologie sconosciute al resto del mondo, nel loro tentativo di dominare il mondo. Hanno cercato per l’intero pianeta i mitici manufatti e la tecnologia ultraterrena nella speranza di imbattersi in un potere supremo che avrebbe permesso loro di essere invincibili e dominare il mondo. Curiosamente, una delle citazioni più interessanti di Neuschwabenland e l’Antartide viene dal Grande Ammiraglio Karl Dönitz della marina tedesca che ha detto: “La flotta sottomarina tedesca è orgogliosa di aver costruito per il Führer in un’altra parte del mondo un Shangri-La in terra, una fortezza inespugnabile”. È interessante notare che, in base a una serie di voci, “Stazione 211” esisteva, e se così fosse, allora deve essere stata (e forse ancora è) all’interno della catena montuosa libera dai ghiacci nelle montagne Mühlig-Hofmann di Neuschwabenland, o Terra della Regina Maud. In base a queste ricerche e conclusioni, tutto sembra indicare che una civiltà estremamente avanzata abitasse una volta l’Antartide e che il continente di ghiaccio sia proprio la mitica Atlantide.

Share
Precedente La sfera Betz rimane un mistero decenni dopo la sua scoperta Successivo Messina: sempre peggio, adesso non arriva più neanche la posta