Mistero: persone scomparse inspiegabilmente

Il mistero, qualcosa che non riusciamo a comprendere, qualcosa che non ha spiegazioni plausibili, ci ha sempre affascinati e attratti quasi morbosamente. Come il mistero che avvolge i casi che andiamo a raccontarvi, di persone inspiegabilmente scomparse nel nulla, storie incredibili ma realmente accadute.

Mistero missing

Mistero missing

Mistero: il caso dei 4 turisti tedeschi

Questa storia misteriosa è rimasta irrisolta dal 1996, anno in cui 4 amici di nazionalità tedesca si trovavano in vacanza negli Stati Uniti. La mattina del 21 ottobre 1996 il Ranger Dave Brenner stava sorvolando la parte meridionale della Death Valley a bordo di un elicottero militare. Dave faceva parte di una missione di sorveglianza aerea di routine alla ricerca di laboratori clandestini di produzione di droga. Verso le 11 del mattino vide qualcosa di inaspettato: un veicolo nell’autolavaggio di Anvil Canyon a circa 3 chilometri dalla valle di Willow Spring. Dopo l’atterraggio nelle vicinanze, Dave ispezionò il veicolo, un furgone verde con la targa della California. La macchina era ricoperta dalla polvere come se fosse stata ferma li da parecchio tempo. Il furgone era bloccato nel lavaggio, quasi affondato nella sabbia, ed era chiuso a chiave. Brenner osservò il numero della targa riportando le informazioni al quartier generale. Il veicolo era di proprietà della “Dollar Rent a Car” ed era stato affittato a 4 turisti tedeschi l’8 luglio 1996. Il veicolo sarebbe dovuto tornare all’agenzia a Los Angeles il 26 luglio, ma chiaramente non fu mai restituito. Ulteriori indagini hanno dimostrato che i 4 turisti tedeschi erano partiti da Francoforte arrivando a Seattle l’8 luglio, per poi da lì spostarsi a Los Angeles. Il furgone affittato sarebbe dovuto rientrare il 26 luglio ed i 4 turisti avevano il volo di ritorno per la Germania il 27 luglio, ma non salirono mai a bordo di quell’aereo, che fine hanno fatto? Mistero. Egbert Rimkus, suo figlio Georg, una sua amica Cornelia Meyer e suo figlio Max sono le 4 persone misteriosamente scomparse senza lasciare traccia, come volatilizzate. Il caso è tuttora irrisolto.

Mistero: il caso di Dorothy Forstein

Era il 1944, Dorothy era sposata da 2 anni con il magistrato Jules Forstein. La coppia aveva 3 figli: Myrna, Marcy ed Edward. Una sera la signora Forstein lasciò i suoi figli a casa di un vicino e andò a fare un po’ di shopping. La sera mentre stava entrando nella sua abitazione qualcuno la aggredì.  La donna venne ritrovata con il naso rotto, la mascella spezzata, una spalla fratturata ed una commozione cerebrale. Quando riprese conoscenza la donna ricordò di essere stata aggredita, ma di non aver visto l’aggressore in viso. Gli investigatori rimasero sconcertati dal reato, non riuscendo a scoprire nulla, di furto non si trattava perché non fu rubato nulla, il marito aveva un alibi di ferro e di conseguenza le indagini andavano a “cozzare” contro la mancanza di indizi e di prove. L’aggressione rimase un mistero e la donna lentamente tornò alla sua vita, anche se emotivamente non era più la stessa persona. 5 anni dopo, la notte del 18 ottobre 1949, il signor Forstein era lontano da casa e Dorothy ed i suoi due figli più piccoli stavano trascorrendo una normale serata di routine. Il signor Forstein tornò a casa intorno alle 23:30 e trovò i figli Edward e Marcy rannicchiati in camera da letto piangendo perchè la mamma non c’era più. La donna era sparita misteriosamente, la borsetta e le chiavi erano ancora a casa e come per la precedente aggressione non era stato rubato nulla in casa. Tutto quello che si sa di quella sera è nei racconti di Marcy, il figlio di 9 anni. Quest’ultimo disse alla polizia che mentre stava dormendo fu svegliato dal rumore di qualcuno che entrava in casa, uscì fuori dalla sua stanza e vide un uomo strano venire al piano di sopra. Sua madre in pigiama giaceva a faccia in giù sul pavimento della sua camera da letto. Marcy chiese all’uomo cosa stesse facendo e questi gli rispose di tornare a dormire perchè sua mamma era in buone mani. L’uomo accarezzò il volto di Marcy andandosene con il corpo di Dorothy ancora in spalla. Circa 15 minuti dopo il signor Forstein rientrò a casa. La polizia non rilevò nessuna impronta dentro l’abitazione, nessun segno di effrazione ed inoltre sembrava impossibile che un uomo potesse trasportare il corpo di una donna in una strada trafficata senza passare inosservato. Allora cosa era successo? Non è stata più trovata nessuna traccia della donna.

Mistero: il caso della famiglia Cowden

Il 5 settembre 1974 un’intera famiglia scomparve in Oregon dalla Rogue River National Forest. Richard Cowden e la moglie Belinda, insieme ai loro 2 figli David e Melissa, erano andati in campeggio per il fine settimana. Domenica mattina Richard fu visto in un negozio mentre comprava il latte e quella fu anche l’ultima volta che qualcuno lo vide. Quando infatti la famiglia non si fece vedere per una cena in programma a casa della nonna, le autorità locali iniziarono le ricerche. Un poliziotto, che si era recato al campeggio, definì la scena come un qualcosa ai confini della realtà: un campo spettrale, il latte ancora sul tavolo ed alcuni utensili da cucina appoggiati sugli alberi. La macchina era ancora parcheggiata ed il portafoglio di Richard e la borsa di Belinda erano ancora lì. Non mancava apparentemente nulla, se non l’intera famiglia Cowden. Nessun segno di lotta, nessuna traccia, tutti misteriosamente scomparsi, spariti nel nulla.

Di casi simili ce ne sono a decine, ma come possono delle persone sparire nel nulla, cosa può essere successo? Le solite ipotesi fatte quando non si hanno degli elementi che possano dare una risposta indicano: rapiti dagli alieni, entrati per caso in un portale dimensionale, uccisi da chissà chi che ha poi distrutto i corpi senza lasciare tracce… Ipotesi, illazioni, tutto senza nessun indizio, tutto un mistero.

Share

I commenti sono chiusi.