Le 7 meraviglie del Mondo Antico e quelle del Mondo Moderno

Ci sono monumenti, costruzioni ed opere architettoniche che sono giudicate le meraviglie del mondo, sfidano il tempo e competono in bellezza con le altre. Alcune sono molto conosciute, altre un po’ meno. Ma quali sono le più belle? Ce lo dicono due liste, una per il mondo antico, l’altra per il mondo moderno.

Le 7 meraviglie del mondo antico

Le 7 meraviglie del mondo antico

Circa 2000 anni fa un autore sconosciuto stilò una lista delle 7 meraviglie del Mondo Antico, tutte opere risalenti a circa il III secolo a.C. Sono tutte opere costruite almeno 2000 anni fa e sono situate in quello che allora era il mondo conosciuto: Egitto (2), Grecia (2), Turchia (2) e Mesopotamia (l’attuale Iraq). Sono tutte andate distrutte per cause diverse eccetto l’imponente e misteriosa Piramide di Cheope che troneggia nella Piana di Giza in Egitto.

Le 7 meraviglie del Mondo Antico

La Piramide di Cheope a Giza o Grande Piramide, di costruzione Egiziana, è la più antica e la più grande delle tre piramidi della necropoli di Giza, in Egitto. E’ la più antica delle 7 meraviglie del Mondo Antico (dovrebbe avere 5000 anni, qualcuno dice 7000) ed è l’unica a rimanere in gran parte intatta. Con i suoi 147 metri di altezza è stata la più alta costruzione del mondo fino al 1300 quando fu alzata la guglia centrale della Cattedrale di Lincoln in Inghilterra.

I Giardini Pensili di Babilonia, di costruzione Babilonese, la cui posizione non è stata ben stabilita. Si pensa che la costruzione sia avvenuta nell’antica città di Babilonia, nei pressi dell’odierna Hillah, in Iraq. La costruzione dei Giardini sembra essere stata voluta dal Re babilonese Nabucodonosor II, che regnò tra il 605 e il 562 a.C. Non ci sono testi babilonesi esistenti che menzionano i giardini e nessuna prova archeologica definitiva è stata trovata mai ritrovata circa la sua esistenza.

Il Colosso di Rodi era una statua rappresentativa del dio greco Helios, eretta nel porto della città di Rodi, sull’omonima isola greca, da Chares di Lindos tra i 292 e 280 a.C. Prima della sua distruzione avvenuta durante il terremoto del 226 a.C., il Colosso di Rodi con i suoi oltre 30 metri di altezza era una delle più alte statue del mondo antico mai realizzate.

Il Tempio di Artemide ad Efeso, noto anche come il Tempio di Diana, era un tempio greco dedicato alla dea Artemide (Diana per i romani). Si trovava a Efeso, nell’attuale Turchia, a 50 km circa da Smirne. Il 21 luglio del 356 a.C. il tempio venne distrutto da un incendio doloso ad opera di Erostrato, un pastore con la sola intenzione di “passare alla storia” per tale distruzione. E’ stato completamente ricostruito tre volte prima della sua definitiva distruzione nel 263 dall’invasione dei Goti.

La statua di Zeus ad Olimpia era una scultura di lastre d’avorio e pannelli d’oro su una struttura di legno che rappresentava il dio Zeus seduto su un trono ornato di ebano, avorio, oro e pietre preziose (larghezza del piedistallo 6,5 m; altezza 13 m.). Il Tempio di Zeus rimase integro per oltre 850 anni, dopo iniziò la graduale distruzione, causata dalla scarsa manutenzione e dal danneggiamento dovuto a terremoti, incendi, inondazioni. Fu definitivamente distrutta durante il grave incendio nel 475.
Il Faro di Alessandria in Egitto era una torre costruita durante il Regno Tolemaico tra il 280 e il 247 a.C. sull’isola di Pharos, sulla costa della città di Alessandria in Egitto, allo scopo di guidare i marinai nella porta della città. Con un’altezza stimata tra i 120 e 140 metri è stata una delle più alte strutture realizzare dall’uomo sulla Terra per molti secoli. Rimase in funzione per ben 16 secoli, fino a quando nel 1303 e nel 1323 due terremoti lo danneggiarono irreparabilmente facendo precipitare in mare numerosissimi blocchi ed elementi architettonici.

Il Mausoleo di Alicarnasso si trovava in Turchia, voluto dalla regina Artemisia che lo dedicò al fratello-sposo Mausolo. I lati del mausoleo erano ornati con sculture e rilievi, create da famosi scultori greci del periodo: Leochares , Bryaxis , Scopas di Paros e Timoteo. La struttura finita del mausoleo fu considerato un trionfo come estetica, purtroppo tale sontuosa opera fu distrutta nel XV secolo dai crociati.

Le 7 meraviglie del Mondo Moderno

Le 7 meraviglie del Mondo Moderno

Nel 2000, ispirandosi alla antica lista delle 7 meraviglie del Mondo Antico, è stato indetto un concorso internazionale per eleggere le 7 meraviglie del Mondo Moderno tra le strutture, le opere architettoniche, artistiche, storiche e i monumenti esistenti nel mondo. La scelta venne determinata fra 17 opere architettoniche e di li fu stilata una classifica. I risultati ufficiali, non privi di polemiche da parte degli esclusi o dei poco considerati, sono arrivati dopo 7 anni di lavori e 100 milioni di voti ricevuti, la lista è stata ufficializzata il 7/07/2007.

Le 7 meraviglie del Mondo Moderno

La Grande Muraglia cinese, in Cina.

Il sito archeologico di Petra, in Giordania.

La statua del Cristo Redentore a Rio de Janeiro, in Brasile.

La città perduta di Machu Picchu, in Perù.

Il complesso di Chichén Itzá a Pisté, Yucatan, in Messico.

Il Colosseo a Roma, in Italia.

Il mausoleo Taj Mahal a Tajcanj, Angra, Uttar Pradesh, in India.

Le altre meraviglie del Mondo Moderno in classifica:

  • Agropoli di Atene, in Grecia
  • Complesso palaziale andaluso Alhambra a Granada, in Spagna
  • Tempio khmer di Angkor Wat, in Cambogia
  • Isola di Pasqua, Oceano Pacifico, Cile
  • La Statua della Libertà a New York, USA
  • Sito neolitico di Stonehenge ad Amesbury, Regno Unito
  • Il Tempio di Kiyomizudera a Kyoto, in Giappone
  • Hagia Sophia (Basilica Santa Sofia) a Istanbul, in Turchia
  • Il Castello Neuschwanstein a Schwangau, in Germania
  • Il Teatro dell’Opera a Sydney, in Australia
  • Il Cremlino e la Piazza Rossa a Mosca, in Russia
  • La Torre Eiffel a Parigi, in Francia
  • La città di Timbuctu, in Mali

 

Share

I commenti sono chiusi.