Terremoti: aumento attività sismica prelude terremoto catastrofico?

Il 2016 è stato riconosciuto come l’anno dei terremoti, con un drammatico aumento dell’attività sismica che sta proseguendo in questi mesi di inizio 2017.

Terremoti

Il 2016 si era congedato con gli “auguri” di Natale in Cile con due scosse di magnitudo 7.6 seguite dalla scossa di magnitudo 6.3 a Sumbawa in Indonesia 4 giorni dopo. Il 2017 è iniziato con una serie di terremoti che non fanno presagire nulla di buono, infatti l’anno si è presentato con un terremoto di magnitudo 7.2 nell’Oceano Pacifico seguito da altre scosse in Indonesia, Italia, Isole Salomone, Papua Nuova Guinea, Pakistan, e i più recenti, Svizzera e Spagna. Molti terremoti sono stati di magnitudo “bassa” o “media”, che molte volte non sono segnalati e che generalmente non producono danni gravi, mentre quelli “forti”, e stiamo parlando di terremoti di magnitudo 6.0 e maggiori, di danni e di morti ne procurano quasi sempre oltre alla paura. Uno degli ultimi terremoti  si è verificato nella regione spagnola della Navarra, con magnitudo 4.4 con epicentro nella città di Navarra di Odieta, a circa 12 chilometri a nord di Pamplona. Ma oramai è diventato un avvenimento giornaliero o quasi una scossa tellurica piccola o grande che sia. Di seguito diamo un piccolo resoconto dei terremoti avvenuti solo nella giornata di ieri e di quelli avvenuti da inizio anno.

La comunità scientifica non si spiega il motivo per cui stanno avendo seguito tutti questi terremoti, ma alcuni esperti in materia sono chiari: un terremoto di proporzioni apocalittiche potrebbe avvenire in qualsiasi momento. Roger Bilham, un sismologo presso l’Università del Colorado, ha da tempo avvertito che nelle condizioni attuali, si potrebbero innescare almeno quattro eventi con magnitudo superiore a 8.0, una catastrofe. Parte della spiegazione, a parte i paesi colpiti che si trovano nel Ring of Fire (anello di fuoco del Pacifico), è che ci sono 38 vulcani attivi in tutto il mondo, tra cui le recenti eruzioni del vulcano siciliano Etna, il più grande d’Europa. In qualsiasi momento un terremoto di grande entità potrebbe distruggere Los Angeles, in base a un nuovo studio pubblicato dalla United States Geological Survey. I ricercatori hanno scoperto che mega terremoti si verificano in media ogni 100 anni. L’ultimo grande terremoto si è verificato 160 anni fa, a circa 300 km dalla faglia di San Andreas. Secondo i ricercatori, la zona in entrambi i lati della faglia, scorre a una velocità di più di due centimetri l’anno dal 1857, quindi si è creato e si sta creando un accumulo di energia che prima o poi verrà rilasciato improvvisamente creando un grande terremoto.

Forti scosse di terremoto vengono registrate in tutto il globo denotando un aumento della instabilità sismica globale. Solo nel mese di marzo dobbiamo annotare 4 scosse di magnitudo 6.0 e superiore, come quella del 5 marzo, una fortissima scossa di terremoto di magnitudo 6.3 verificatasi nell’Isola di New Britain, in Papua Nuova Guinea. Ma cosa sta generando questi continui terremoti? I geologi ribadiscono che la causa delle scosse telluriche, forse, potrebbe essere un problema che riguarda una instabilità del nucleo della Terra, oppure di un problema esterno, ovvero una influenza gravitazionale di qualche corpo celeste, o una forte attività solare, oppure potrebbe trattarsi dell’inizio dell’inversione magnetica dei Poli, che porterebbe cambiamenti climatici estremi con attività tellurica e eruzioni vulcaniche molto intense. Intanto i geologi stanno studiando questo susseguirsi di scosse che stanno coinvolgendo tutto il pianeta cercando di capirne meglio la natura. La Terra ha numerose faglie tettoniche, fratture della crosta terrestre, che quando si muovono possono generare terremoti di varia intensità o magnitudo, attualmente sembra che vi sia una sollecitazione particolare tanto da generare scosse telluriche anche in zone di solito non soggette.

Tabella terremoti di magnitudo maggiore a 4.6 del 17 marzo 2017

Date / h:m:s Mg Region
2017-03-17  06:39:00 4.7 Fiji Islands
2017-03-17  07:10:00 4.8 Potosi, Bolivia
2017-03-17  07:39:00 4.7 Pacific Ocean
2017-03-17  07:57:00 5.2 Kyushu, Giappone
2017-03-17  07:58:00 5.0 Molucca sea
2017-03-17  08:10:00 4.8 Sao Pedro de Atacama, Cile
2017-03-17  08:57:00 4.9 Yakushima, Japan
2017-03-17  08:59:00 5.1 Bitung, Indonesia
2017-03-17  10:02:00 4.8 Quintero, Cile
2017-03-17  11:18:00 5.5 Fiji Islands
2017-03-17  12:18:00 5.5 Pacific Ocean
2017-03-17  16:01:00 4.9 Port Blair, India
2017-03-17  16:52:00 5.1 Saumlaki, Indonesia
2017-03-17  17:10:00 4.7 Vavau, Tonga
2017-03-17  20:05:00 5.0 Honiara, Solomon Islands
2017-03-17  20:35:00 4.8 San Felipe, Venezuela

Tabella terremoti di magnitudo uguale o maggiore a 6.0 nel 2017

Date / h:m:s Mg Region
2017-01-03  21:52:30 6.9 Fiji Islands
2017-01-10  06:13:48 7.3 Celebes Sea
2017-01-14  06:11:48 6.1 Fiji Islands
2017-01-19  23:04:21 6.5 Bougainville, Solomon Islands
2017-01-22  04:30:22 7.9 Bougainville, Solomon Islands
2017-02-07  22:03:55 6.3 Southwestern Pakistan
2017-02-10  14:03:43 6.5 Mindanao, Philippine Islands
2017-02-18  12:10:17 6.3 Jujuy Province, Argentina
2017-02-21  14:09:04 6.5 Southern Bolivia
2017-02-24  17:28:44 6.9 Fiji Islands
2017-03-05  22:47:53 6.3 New Britain, Papua New Guinea
2017-03-07  10:56:40 6.0 Federated States of Micronesia
2017-03-11  18:48:13 6.0 Ryukyu Islands, Japan
2017-03-14  04:51:16 6.0 Sabang, Indonesia

 

Share
Precedente Il nostro DNA sta mutando secondo la scienza Successivo CFBDSIR 2149-0403 il misterioso corpo celeste vagante