LHS1140b la super-Terra aliena potrebbe ospitare la vita

Un team di scienziati ha scoperto un nuovo esopianeta, chiamato LHS1140b, una super-Terra che a loro parere ha le condizioni ideali per ospitare la vita. La nuova scoperta è un pianeta di tipo roccioso e temperato che orbita attorno a una stella nana rossa, Efe della costellazione Cetus (Balena), che si trova a 40 anni luce di distanza dalla Terra.

LHS1140b

L’autore principale dello studio, l’astronomo Jason Dittmann dello Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics, ha detto che LHS1140b è l’esopianeta più interessante che ha visto negli ultimi dieci anni. Con l’aiuto della rete telescopio MEarth-Sud, dedicato principalmente allo studio dei pianeti extrasolari, gli astronomi sono stati in grado di misurare la massa, le dimensioni, la densità e il periodo orbitale del pianeta. LHS1140b è 1,4 volte la dimensione e sette volte la massa della Terra. Lo studio, che è stato riportato su Nature Journal, ha scoperto che LHS1140b è all’interno della cosiddetta zona abitabile, il che significa che il liquido può esistere in tutti e tre stati: liquido, solido, e gassoso. “Il pianeta orbita intorno a una stella tranquilla a una distanza che potrebbe significare che c’è acqua liquida lassù”, ha detto il dottor Dittmann. Le misurazioni suggeriscono che il pianeta ha circa cinque miliardi di anni, il che lo rende 500 milioni di anni più vecchio della Terra.

Il team di scienziati crede anche che questa super-Terra ha mantenuto la maggior parte della sua atmosfera, meglio ancora, gli scienziati possono saperne di più su questo esopianeta più rapidamente grazie alla sua vicinanza alla Terra rispetto ad altri esopianeti. “Questa stella è a soli 40 anni luce di distanza, che è incredibilmente vicino”, ha detto il dottor Dittmann. “Se si riduce l’intera galassia alle dimensioni degli Stati Uniti, la distanza tra la Terra e il pianeta sarebbe più piccola di Central Park. Quindi questo pianeta è davvero vicino di casa della Terra”. Il Dr. Dittman ha aggiunto conta di poter osservare l’atmosfera di LHS1140b nel prossimo decennio e determinare se la sua atmosfera è relativamente simile a quella della Terra. LHS1140b è stato scoperto nel corso di un sondaggio condotto dalla matrice telescopio MEarth-sud in Cile. Il team è stato in grado di rilevare l’esopianeta grazie alle variazioni di luce durante i transiti davanti alla sua stella nana rossa.   Il Dr. Dittman ha detto che il rilevamento del pianeta è solo l’inizio e che hanno ancora molto da fare per determinare se vi è vita. “Siamo stati autorizzati ad usare il telescopio spaziale Hubble per iniziare i primi passi nel sondare l’atmosfera di questo pianeta e per vedere cosa c’è. C’è anche un ulteriore lavoro da fare per sapere con certezza se la stella è inattivo ad alte energie come si credeva“. “Gli astronomi sono in attesa del lancio del telescopio spaziale James Webb del prossimo anno che punta a rivoluzionare la ricerca degli esopianeti. Sarà in grado di trovare acqua, ozono, metano, e anche il biossido di carbonio nell’atmosfera di questo pianeta. Quindi il futuro è davvero molto emozionante. Difficilmente si poteva sperare in un obiettivo migliore per eseguire una delle più grandi missioni nel campo della scienza, la ricerca di prove di vita oltre la Terra”, ha aggiunto il dottor Dittman.

Il 22 febbraio, altri scienziati hanno annunciato di avere scoperto sette pianeti che sono simili alla Terra in termini di massa e dimensioni. I pianeti sono in orbita ad una fredda nana rossa chiamata Trappist-1 che è 39 anni luce di distanza dalla Terra. Tre di questi esopianeti sono all’interno della zona abitabile e potenzialmente adatti ad ospitare la vita. Il pianeta LHS1140b soddisfa tutte le condizioni con le quali scienziati cercano di determinare se la vita, come noi la conosciamo, potrebbe esistere sul pianeta alieno. Anche se migliaia di pianeti sono stati scoperti negli ultimi 20 anni, grazie ai progressi della scienza, LHS 1140b è un ottimo candidato per lo studio grazie al modo in cui ruota attorno al suo sole. Altri pianeti sono stati scoperti che potrebbero ospitare vita aliena, come Proxima b, un eso-pianeta soli 4,2 anni luce di distanza dalla Terra. Tuttavia, Proxima B non transita vicino alla sua stella madre e studiare la sua atmosfera è molto più difficile. LHS1140b, al contrario, è in posizione ideale per studi atmosferici. Tuttavia, il pianeta alieno è un po’ più grande, circa 1,4 le dimensioni della Terra ed è anche più di sei volte più pesante. Altre differenze importanti provengono dal sole attorno al quale ruota il pianeta. Questo pianeta ottiene solo circa la metà della luce che il nostro sole offre alla Terra, e la sua stella è anche molta più fresca del nostro sole.

Share
Precedente La colossale mano di Ercole ad Amman in Giordania Successivo Delitti irrisolti di vittime sconosciute