Apocalisse sul pianeta Terra nel passato

Il pianeta Terra ha visto nell’antico passato alcuni eventi sconvolgenti, una apocalisse dopo l’altra, dei quali i ricercatori hanno più prove convincenti. Dell’ apocalisse che si è più volte verificata sulla Terra i ricercatori solo recentemente hanno potuto assemblare abbastanza dettagli per presentarci un quadro abbastanza veritiero.

Asteroide colpisce Terra

La saga della violenta gioventù terrestre è ancora in scena e i capitoli scritti dalla scienza moderna sono molto più affascinanti di qualsiasi epopea di Hollywood, l’ apocalisse finale, quella della distruzione totale, non è ancora in scena ma potrebbe verificarsi a breve o tra qualche milione di anni. Intanto ecco alcuni eventi catastrofici che sono accaduti in passato sul nostro pianeta. L’impatto dell’asteroide che ha spazzato via i dinosauri è il più conosciuto ed è stato ben documentato, ma sarà incluso qui a causa di una recente scoperta.

Apocalisse sul pianeta terra: Younger Dryas e lago Agassiz

Gran parte della classica megafauna del Nord America, inclusi i mastodonti, i gatti dai denti a sciabola, i bradipi giganti e altro, si è estinta circa 13.000 anni fa. Questa estinzione coincise con un periodo geologico noto come Younger Dryas. Questo periodo si è verificato vicino alla fine dell’ultima era glaciale quando la Terra si stava riscaldando ei ghiacciai si staccavano. Per qualche ragione, il riscaldamento si è fermato e le temperature globali sono scese fino a 24 gradi Celsius in pochi decenni. Il freddo durava da oltre 1.000 anni e stava uccidendo molte specie. Questa estinzione è stata descritta dai geologi come “geologicamente istantanea e la manifestazione più estrema del cambiamento climatico nel record geologico”. Anche se è stato un mistero per molti anni, gli scienziati hanno oggi una teoria molto interessante su ciò che ha causato tali condizioni. Quando terminò l’era glaciale e i ghiacciai si ritirarono, si sono formati laghi di acqua di disgelo molto grandi all’interno dei ghiacciai stessi. Il lago Agassiz era un lago incredibilmente massiccio, si estendeva su una superficie complessiva di circa 945.000 chilometri. La diga di ghiaccio contenente questo lago crollò, rilasciando circa 16.000 chilometri quadrati di ghiaccio fresco e fuso nelle correnti oceaniche calde abbassando così la temperatura della Terra. Una scuola di pensiero attuale è che un asteroide potrebbe aver causato questo drammatico freddo. Lo scienziato di Harvard Michail Petaev ei suoi colleghi affermano che questo impatto è evidente da elevate quantità di evidenze di impronte di platino e iridio cosmico di un meteorite di ferro, che sono stati trovati in un campione di nucleo di ghiaccio della Groenlandia da questa parte dell’epoca dell’Olocene. Altri scienziati hanno scoperto nanodiamanti e particelle di carbonio prodotte dall’impatto da questo stesso strato di sedimento, sostenendo l’ipotesi.

Apocalisse sul pianeta terra:  Diluvio nel Mar Nero (diluvio di Noè)

Non meno di una leggenda che il dottor Robert Ballard, scopritore del relitto del Titanic, ha proposto la teoria che spiegherebbe l’origine dei ben noti “miti d’inondazione” di antica tradizione. Una spedizione marina del 1999 guidata da Ballard ha scoperto segni di occupazione umana e strutture artificiali nella parte inferiore del Mar Nero. La scoperta di un antico litorale, così come i resti di molluschi d’acqua dolce, ha indicato che lì c’era una volta un lago d’acqua dolce sotto quello che oggi è il salato Mar Nero. Ciò era prova di una massiccia inondazione. I dati del radiocarbonio hanno indicato che il diluvio si è verificato circa 7.000 anni fa. L’innalzamento del livello del mare è stato causato dalla fusione dei ghiacciai durante un periodo di riscaldamento alla fine di una delle tante passate ere glaciali. Queste acque minacciarono l’area intorno allo stretto del Bosforo, che potrebbe essere stato un ponte di terra una volta. Ora è un collo di bottiglia di terra in Asia Minore che si apre nel Mar Nero. A un certo punto il ponte terrestre è stato distrutto, il Mare Mediterraneo ha travasato circa 42 chilometri cubici di acqua ogni giorno, forse “con la potenza di 200 volte le cascate del Niagara”, secondo i geologi marini della Columbia University Bill Ryan e Walter Pitman. Avrebbe lasciato ai sopravvissuti terrificati di consegnare alla leggenda la storia dell’inondazione attraverso le tradizioni orali per molte generazioni. Può aver ispirato le storie delle inondazioni di Noè, Gilgamesh, e altri popoli del mondo antico.

Apocalisse sul pianeta terra:  Shiva Impact, un doppio impatto causò estinzione dinosauri

Secondo una nuova teoria, non era solo uno ma due gli asteroidi che hanno impattato causando l’estinzione dei dinosauri. Il noto cratere Chicxulub della Penisola dello Yucatan in Messico testimonia di un impatto massiccio che ha portato a cambiamenti climatici globali e l’estinzione di massa. L’asteroide che ha colpito la Terra nel tardo Cretaceo 65 milioni di anni fa era largo 10 km e ha prodotto un cratere di circa 180 chilometri. Dopo solo 300.000 anni, mentre la Terra stava ancora geologicamente recuperando da quell’impatto, una roccia di 40 chilometri ha colpito l’oceano la costa occidentale dell’India lasciando un cratere largo di 480 chilometri. “Se siamo corretti”, ha detto il paleontologo Sankar Chatterjee, “questo è il cratere più grande conosciuto sulla Terra”. Il cratere è stato appropriatamente chiamato il cratere di Shiva, dal nome del dio indù della distruzione. Si pensa che questo evento abbia separato le isole Seychelles dal subcontinente indiano. Alcuni scienziati hanno affermato che la crosta terrestre è stata vaporizzata nel punto di impatto, innescando il vulcanismo che ha inondato di basalto delle Trappole di Deccan (simile alle trappole siberiane). Questo ha liberato gas nocivi e ha accelerato il tasso di vulcanismo già diffuso nell’area dell’India occidentale all’epoca. L’impatto è stato così grave che ha deformato una parte del mantello della litosfera della Terra e ha frantumato la piastra tettonica indiana in cui l’asteroide ha colpito. Tra l’energia cinetica dell’urto mortale, il massiccio tsunami, il diluvio di lava e il rilascio di gas, le specie in difficoltà che si trovavano in precedenza sul bordo non hanno avuto alcuna possibilità. L’impatto ha superato enormemente il cratere Chicxulub in scala e violenza. “I dinosauri erano veramente sfortunati”, ha detto Chatterjee.

Apocalisse sul pianeta terra:  Theia Impact

La madre di tutti gli impatti cosmici si è verificata quando un pianeta grande quanto Marte (noto come Theia) ha colpito la Terra durante il periodo di collisione di corpi planetari nella storia del sistema solare. La Terra fu fracassata in un sferoidale di roccia fusa quasi inestimabile. Questo cataclisma produsse la Terra abitabile che conosciamo oggi e ci ha dato la nostra Luna. I detriti fusi che si sono creati immediatamente dopo la violenta collisione sono stati tenuti  in orbita gravitazionale dal nucleo della Terra che è rimasta. I detriti si sono coagulati gradualmente nella sfera familiare che appare nel nostro cielo notturno. Questa conclusione è nuovamente dovuto alle missioni Apollo e al successivo studio delle rocce della Luna. Si è scoperto che le rocce della Terra e della Luna erano incomprensibilmente simili nella composizione. Questo ha condotto gli scienziati a dedurre che la Terra e la Luna erano una volta lo stesso oggetto, violentemente separato da una enorme collisione protoplanetaria all’inizio della storia della Terra. Daniel Herwartz, geochemista isotopico dell’Università di Gottingen in Germania, ha rilevato che la somiglianza negli isotopi di ossigeno tra le rocce della Luna e le rocce della Terra rafforza ulteriormente l’ipotesi di impatto. “Questo gruppo di rocce ha una composizione isotopica molto simile alla Terra”, ha detto. Alcuni scienziati suppongono che Theia era più un asteroide di tipo E, piuttosto che un pianeta riconoscibile come avremmo immaginato.

Share
Precedente Shigir Idol ed il suo messaggio indecifrabile di 11 mila anni fa Successivo Piovono diamanti su Urano e Nettuno