Scoperto asteroide immigrato interstellare

Dopo l’asteroide interstellare ‘Oumuamua, è stato scoperto un nuovo asteroide immigrato interstellare nel nostro Sistema Solare e questo è qui per restare. In effetti, è stato qui da sempre, da quando il nostro Sistema Solare è stato creato, circa 4,5 miliardi di anni fa, e potrebbe essere l’oggetto più vecchio.

Asteroide immigrato 2015BZ509
Asteroide immigrato 2015BZ509

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista “Monthly Notices of the Royal Astronomical Society”, ha annunciato la scoperta di un particolare asteroide che ha preso dimora nel percorso orbitale di Giove. La nuova roccia spaziale, soprannominata (514107) 2015 BZ509, o “BZ” in breve, è “alieno” in ogni senso della parola: è nato in un altro sistema solare e si è intrufolato nel nostro agli inizi, subito dopo la formazione dei pianeti. La Royal Astronomical Society lo ha definito “ asteroide immigrato interstellare ”, perché, a differenza di ‘Oumuamua, il nostro primo intruso interstellare che ci ha solo reso una breve visita l’anno scorso, 2015 BZ509 è con noi da tempo indefinito. L’autore principale dello studio, Fathi Namouni, astronomo dell’Osservatorio della Costa Azzurra in Francia, ha detto a Reuters che BZ ha uno status di residente permanente e che non andrà via presto. “Se il sistema solare avesse un servizio consolare e potesse rilasciare visti agli asteroidi in arrivo, allora ‘Oumuamua aveva solo un visto per soggiorno di breve durata mentre a BZ era stata concessa una carta verde per la residenza.”

Secondo Space.com, l’ asteroide immigrato, che misura solamente 3 km di diametro, è stato scoperto nel mese di novembre 2014 dal telescopio Pan-STARRS del Haleakala Osservatorio, nelle Hawaii, lo stesso telescopio che ha individuato ‘Oumuamua il 19 ottobre 2017. La cosa più sorprendente di questo asteroide, e il dettaglio che alla fine ha dato via la sua origine aliena, è che orbita attorno al Sole. Viaggiando sulla stessa orbita di Giove, BZ orbita il sole nella direzione opposta a quasi tutti gli oggetti del Sistema Solare, inclusi i pianeti. La sua orbita bizzarra è anche conosciuta come un’orbita retrograda ed è ciò che ha rivelato agli astronomi che 2015 BZ509 si è formato in un altro sistema stellare ed è migrato qui. “Il modo in cui l’asteroide si muoveva in questo modo mentre condivideva l’orbita di Giove è stato fino ad oggi un mistero”, dice Namouni. “Se 2015 BZ509 fosse un nativo del nostro sistema, avrebbe dovuto avere la stessa direzione originale di tutti gli altri pianeti e asteroidi, ereditati dalla nube di gas e polvere che li formava”, spiega.

Per approfondire, Namouni e la coautrice dello studio Helena Morais, della São Paulo State University in Brasile, hanno usato modelli al computer che tracciavano nel tempo il movimento dell’ asteroide immigrato. Descritto nello studio come la “simulazione da un milione di cloni”, l’esperimento ha prodotto un milione di possibilità per l’orbita di BZ e ne ha osservato l’evoluzione. I risultati hanno rivelato che l’asteroide alieno ha fatto il salto nel nostro sistema solare 4,5 miliardi di anni fa ed è rimasto legato all’orbita di Giove fin da quando i nostri pianeti si sono formati per la prima volta nei primi giorni del nostro Sistema Solare. Ciò suggerisce che BZ potrebbe benissimo essere l’oggetto più antico del Sistema Solare, afferma Namouni, sottolineando che l’asteroide “è un forte candidato” per questo titolo. La teoria di come il nostro asteroide immigrato interstellare è arrivato qui ha a che fare con il modo in cui il nostro Sole si è formato, osserva Morais. Come lei spiega, il Sole nacque in un denso ammasso stellare, proprio come quelli recentemente avvistati nella nube molecolare di Orione A, dove sono emerse stelle gigantesche con i propri pianeti e asteroidi.

“La stretta vicinanza delle stelle, aiutata dalle forze gravitazionali dei pianeti, aiuta questi sistemi ad attrarre, rimuovere e catturare asteroidi l’uno dall’altro”, afferma Morais. La scoperta del nostro primo immigrante interstellare ha spinto gli astronomi a credere che potrebbero essercene altri proprio come BZ che si nascondono nel nostro sistema solare. A parte la nuova luce che illumina il luogo di nascita del nostro Sole, il nuovo asteroide, la cui composizione è ancora sconosciuta, potrebbe contenere importanti indizi su come la vita ha acceso l’universo , ha aggiunto Morais. “Questa scoperta ci dice che il Sistema Solare potrebbe ospitare altri asteroidi extra-solari e comete catturate all’inizio della sua storia. Alcuni di questi oggetti potrebbero essere entrati in collisione con la Terra in passato, probabilmente portando acqua, biomolecole o persino materiale organico”.

Al link sottostante potete osservare l’animazione che mostra il percorso dell’ asteroide immigrato interstellare che viaggia in moto retrogrado intorno al Sole.

Animazione 2015 BZ509

Share
Precedente Segni alieni nell' antico Egitto Successivo Manna, cibo da Dio o da una macchina?