Un miliardo di rifugiati climatici entro il 2050

Una gravissima minaccia incombe sempre più sull’umanità: a causa del riscaldamento globale si prospettano un miliardo di rifugiati climatici entro il 2050! Il rischio è una catastrofe umanitaria apocalittica, senza precedenti. La siccità, la scarsità di cibo, l’inquinamento, gli eventi meteorologici sempre più estremi, la desertificazione e gli allagamenti drammatici, sono gli effetti del riscaldamento globale che produrranno un miliardo di rifugiati climatici entro trenta anni.

Riscaldamento globale ghiacci
Riscaldamento globale ghiacci

Questo è il drammatico scenario tratteggiato dagli esperti ed uno dei temi centrali del G7 Salute svoltosi a novembre a Milano, dove si è dato risalto anche alle azioni da perseguire per evitare che un tale disastro possa sconvolgere l’umanità, su tutte vi è la riduzione delle emissioni inquinanti (alcuni Paesi tentennano e non aderiscono ai patti), ma sono state contemplate anche misure di intervento dirette nei Paesi più coinvolti. Già adesso la situazione si presenta drammatica e probabilmente irreversibile. Gli effetti del riscaldamento globale, che produrranno un miliardo di rifugiati climatici entro il 2050, sono eventi interconnessi come fenomeni meteorologici catastrofici, carenza di cibo, siccità, inquinamento e diffusione delle malattie. I picchi di mortalità diverranno elevatissimi, soprattutto nelle fasce più povere della popolazione mondiale, che saranno costrette a migrare in massa per evitare di essere travolte dagli eventi.

Riscaldamento globale tempeste
Riscaldamento globale tempeste

I primi cenni di un tale dramma, del resto, cominciano a mostrarsi già adesso. I ghiacci eterni dell’Antartide si stanno spaccando e sciogliendo e questo, insieme ad altri ghiacciai in scioglimento, inevitabilmente farà crescere  il livello del mare riducendo drasticamente le terre emerse portando le popolazioni che vivono sulle rive a fuggire verso l’interno, milioni e milioni rifugiati climatici. Altre acque cadono sempre più copiose dal cielo con fenomeni devastanti, mentre altre zone sono aride per la scarsità di pioggia e bruciate dal caldo torrido ed implacabile. In Italia, ad esempio, ci sono casi di siccità sistemica che hanno portato a incendi devastanti, scioglimento di ghiacciai secolari sulle nostre montagne e sensibile riduzione idrica di alcuni laghi e fiumi. Anche il nostro Paese, quindi, potrebbe essere travolto e molti italiani potrebbero essere costretti a migrare. Ma anche i fenomeni migratori che stiamo vivendo oggi hanno in parte una causa nei cambiamenti climatici. Molta gente, affamata e disperata, comincia infatti a fuggire da terre divenute sterili, aride e desertiche, e dalle guerre scatenate per un territorio sempre più povero e brullo, e se al momento sull’Europa c’è una pressione di un paio di milioni di migranti all’anno, questo numero potrebbe balzare a 10 o 20 milioni entro trenta anni.

Riscaldamento globale deserti
Riscaldamento globale deserti

Dati drammatici sono divulgati da autorevoli riviste scientifiche (Lancet) ed istituzioni internazionali  (Oxfam International): solo da gennaio a settembre del 2017 sono state 15 milioni di persone a dover abbandonare le proprie terre a causa di un evento climatico estremo. A causa dei cambiamenti climatici si prevede una sensibile riduzione delle disponibilità alimentari, con un crollo del 6% nella produzione del grano e del 10% del riso, per ogni grado centigrado in più di temperatura. Devastante, se pensiamo che l’atteso aumento demografico entro tre decenni porterà la popolazione mondiale a ben 9,8 miliardi nel 2050. Un ulteriore pericolo è rappresentato anche dalla diffusione di malattie tropicali a causa delle temperature più elevate soprattutto in zone non abituate, come suggeriscono i casi numerosi di Dengue, Chikungunya e Zika nel mondo. Possiamo rimediare? Forse è troppo tardi, ma forse potremmo “attenuare” questo tremendo impatto se tutti i Paesi rispetteranno e raggiungeranno gli obiettivi fissati negli Accordi sul Clima di Parigi. Ma l’uomo, si sa, è troppo egoista ed avido e non recede neanche se si sta dando la zappa sui piedi, sui pochi piedi che uccideranno milioni di persone e causeranno un biblico esodo di un miliardo di rifugiati climatici e, forse, un’altra devastante guerra mondiale.

Share
Precedente Polidattilia: alterazione o eredità genetica? Successivo Enorme sarcofago nero dissotterrato in Egitto