La vasca di granito rosa, lo Zed e la luce divina

La Piramide di Cheope è da sempre sotto i riflettori, meraviglia di ingegneria e matematica, ha all’interno uno strano oggetto: una vasca di granito rosa. E’ un particolare poco conosciuto tra la miriade di meraviglie della Grande Piramide, ma la vasca di granito rosa che fa bella mostra di sé all’interno della Camera del Re è senza dubbio un oggetto che desta meraviglia e mille perplessità. Assomiglia ad un sarcofago ma non lo è, è perfettamente squadrata e levigata, non si capisce la sua funzione e posizione, non si capisce come e chi possa averla realizzata con un materiale così difficile da trovare e lavorare.

Vasca di granito rosa piramide di Cheope
Vasca di granito rosa piramide di Cheope

Nella Piramide di Cheope esistono 4 stanze (di cui una scoperta recentemente e non ancora esplorata), tutte perfettamente levigate e prive di adorni e geroglifici tipici delle tombe dell’antico Egitto, ed in effetti è oramai assodato che la piramide non è mai stata una tomba, la più grande delle stanze è stata chiamata “Camera del Re”, un’altra, più piccola, la “Camera della Regina” anche se non vi è mai stato seppellito nessun re o regina. L’unico oggetto presente nella Camera del Re è un sarcofago (o vasca) monolitico rettangolare in granito rosa, con un angolo rotto e senza coperchio. Il sarcofago è poco più largo del passaggio alla camera e quindi deve essere stato collocato prima che fosse messo in opera il soffitto. La vasca di granito rosa risulta scolpita in un unico blocco geometricamente perfetto e scavato con una precisione disarmante, come fosse stato lavorato con moderne attrezzature, non certo con gli scalpelli di rame in voga all’epoca. Gli studiosi concordano nel dire che non è possibile che un popolo, più di 5.000 anni fa, avesse potuto lavorare il granito in quel modo, perché solamente per lavorare la vasca rosa ci sarebbero volute attrezzature molto più potenti. Quindi, da chi fu lavorata? Una tradizione egizia particolarmente antica sostiene che i blocchi di granito sono stati tagliati con “scalpelli di luce divina”. Una luce in grado di tagliare il granito? Un’affermazione che richiama alla mente le lavorazioni con il laser, solo che il laser è un’invenzione abbastanza recente. Chi ha fornito agli antichi egizi la “luce divina”? Solo suggestioni, o forse chi costruì quella piramide conosceva realmente una sorta di laser? Ci viene subito alla mente l’esempio delle lampade di Dendera, dell’antica elettricità, una conoscenza tecnologica che il popolo egizio probabilmente già conosceva e quindi non desta ulteriore meraviglia la possibilità di una sorta di laser.

Lo Zed
Lo Zed

C’è chi sostiene che la vasca di granito rosa contenuta nella Camera del Re all’interno della Piramide di Cheope possa essere il contenitore descritto nella Bibbia edificato per contenere l’Arca della Alleanza, di fianco alla vasca sulla destra, c’è una piccola depressione del pavimento che fa pensare ad un passaggio verso un’altra stanza. Secondo l’ingegnere italiano Mario Pincherle, la Camera del Re si trova al centro dello Zed. La piramide non sarebbe altro che un enorme coperchio celante una torre: lo Zed. In una delle rare iscrizioni presenti all’interno della Piramide di Cheope troviamo una definizione: “il luogo in cui si trova l’eternità” o “il luogo in cui si trova lo Zed”. Lo Zed, per l’archeologia ufficiale è il simbolo di Osiride e sarebbe, comunque, un simbolo presente già dai tempi precedenti alla civiltà egizia, raffigurando oltretutto la fertilità, il grano, ma preso poi, tra l’altro, come simbolo o porta per il passaggio all’oltretomba. Lo Zed, infatti, indicherebbe la vittoria di Osiride su Seth, la vittoria della vita sulla morte; ecco il perché della sua ricorrenza nei geroglifici di molte tombe. C’è però da chiedersi perché lo Zed sarebbe stato coperto con un’intera piramide, per di più vuota. E perché seppellirlo?

E’ noto che Robert Beauval ha rilevato che le piramidi di Cheope, Chefren e Micerino corrispondono alla posizione in cielo delle 3 stelle maggiori della cintura di Orione. Uno studioso argentino di nome Ettore Moracci Beauvier-Vila sostiene invece che le tre piramidi di Giza rappresenterebbero la posizione nel cielo di tre importanti astri: Mercurio, Venere e la Terra. Facendo corrispondere Cheope alla Terra, Chefren a Venere e Micerino a Mercurio si otterrebbe uno strabiliante risultato: la distanza tra la Terra e Venere è di 38.5 milioni di Km mentre quella tra le piramidi di Cheope e Chefren è di 385 m, tra Venere e Mercurio ci sono 50.7 milioni di Km e tra Chefren e Micerino vi sono 507 metri. All’appello, secondo lo studioso argentino, mancherebbe il Sole che si trova a 146.9 milioni di Km dalla Terra. Se tale teoria fosse esatta a 1470 metri circa dalla Grande Piramide si nasconderebbe qualcosa di grande importanza. Cosa?

Ma la piramide di Cheope ha anche straordinarie proprietà, tra queste sarebbe dotata all’interno di una energia che rallenta il tempo. Negli anni novanta una coppia di ricercatori chiese il permesso di fare delle misurazioni all’interno della piramide di Cheope, ed in particolare della sala della vasca di granito rosa. Il permesso fu accordato ed il guardiano che li accompagnò aspettò fuori che avessero finito. Dieci minuti dopo i due studiosi uscirono, ma il guardiano si arrabbiò molto con loro perché erano rimasti là dentro per oltre tre ore! I due rimasero sconcertati, sicuri del contrario, ma poi smentiti. Per loro, che erano entrati nella Camera del Re, le tre ore erano trascorse come fossero stati dieci minuti. Viene da chiedersi se non sia vero che in quella camera c’è un qualcosa di fuori dal comune, come una sorta di porta dimensionale e se davvero il tempo scorre in modo diverso. Sarà l’energia dello Zed?

Share
Precedente Nuova estinzione di massa e rinnovamento? Successivo Le incredibili civiltà del 15000 a.C.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.