Tempio di Kailasa in India: come fu costruito?

C’è un tempio indù in India, il Tempio di Kailasa, che ti stupirà per il suo design e la sua costruzione che sono al di là di qualsiasi cosa immaginabile. Secondo alcuni studiosi è stato costruito nell’ottavo secolo e le stime dicono che sono occorsi circa 18 anni per la sua costruzione. Il tempio è stato scolpito, o meglio intagliato, da una montagna con scavi verticali, cioè i costruttori sono partiti dall’alto verso il basso.

Tempio di Kailasa - Ellora - India
Tempio di Kailasa – Ellora – India

Il Tempio di Kailasa è una delle più grandi strutture monolitiche del pianeta, scolpito da un’unica roccia. Impressionanti i numeri: profondo 50 metri circa, largo 33 metri circa, alto 30 metri circa. Si calcola che per la sua costruzione furono rimosse dalla montagna circa 400.000 tonnellate di roccia. Questo magnifico tempio, situato a Ellora, Maharashtra, in India, è dedicato al culto indù ed è stato commissionato dal re Krishna I della dinastia Rashtrakuta. Il tempio è considerato uno dei più notevoli templi rupestri mai costruiti in India per le sue dimensioni, l’architettura e il trattamento scultoreo. Il Tempio di Kailasa fa parte di 32 templi rupestri e monasteri che sono noti collettivamente come le grotte di Ellora, questo occupa la grotta 16. Il tempio è impressionante, diverso, maestoso. La caratteristica che lo rende unico è che è stato intagliato verticalmente, i suoi intagliatori, cioè, iniziarono in cima alla montagna e scavarono verso il basso, utilizzando una tecnica diversa dalla tradizionale costruzione che parte dal basso. Uno degli elementi più noti del Tempio di Kailasa raffigura  Ravana che  scuote la  montagna. La scultura è riconosciuta come uno dei pezzi più belli dell’arte indù.

Tempio di Kailasa 2
Tempio di Kailasa 2

Un’antica leggenda indù parla della costruzione del Tempio di Kailasa. Secondo Katha-Kalpataru di Krishna Yajnavalki (1470-1535 circa), il re locale aveva sofferto di una terribile malattia. Sua moglie, la regina, decise di pregare il Dio Shiva affinché guarisse il marito. La regina promise di costruire un tempio se il suo desiderio fosse esaudito e promise anche di osservare un digiuno fino a quando sarebbe riuscita a vedere lo shikhara (cima) di questo tempio. Alla fine, il re fu guarito e la regina chiese che il tempio fosse costruito immediatamente. Tuttavia, ogni architetto che ha presentato il progetto ha spiegato che ci sarebbero voluti molti mesi per costruire un tempio completo fino allo shikhara (cima). Ma, un architetto chiamato Kokasa spiegò al Re e alla Regina che avrebbero visto lo shikhara (cima) di un tempio entro una settimana. Alla fine, Kokasa iniziò la costruzione ma usando una tecnica diversa. Invece di scavare dal basso, si diresse verso la cima e scavò verticalmente la montagna, dall’alto. Alla fine, dopo una settimana, finì lo shikhara permettendo alla regina di concludere il suo digiuno.

Stime sulla costruzione dicono che: più di 400.000 tonnellate di roccia furono rimosse dalla montagna, che circa 60 tonnellate di roccia siano state rimosse ogni giorno durante la fase iniziale di costruzione del tempio, che i costruttori lavorassero per più di dodici ore al giorno, trasportando circa 5 tonnellate di roccia in media fuori dalla montagna ogni ora. Un’opera titanica che lascia perplessi: come hanno potuto? E mentre sappiamo come è stato pianificato il Tempio di Kailasa e molto probabilmente come è stato completato, non sappiamo ancora esattamente come i progettisti, gli architetti e i costruttori siano riusciti a ottenere tutto ciò con una tecnologia relativamente limitata e gli strumenti a loro disposizione in quel momento. Una quantità enorme di rocce da trasportare, una montagna da intagliare per costruire questa meraviglia architettonica. Ci sembra molto plausibile pensare che chiunque abbia costruito queste affascinanti caverne migliaia di anni fa aveva a disposizione sicuramente qualcosa in più di semplici martelli, scalpelli e picconi. Tecnologia perduta?

Share
Precedente Aereo risucchiato da una distorsione spazio-temporale? Successivo Misteriosi FRBs ripetuti da una lontanissima galassia

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.