Misteriosi FRBs ripetuti da una lontanissima galassia

Misteriosi segnali radio ripetuti, detti FRBs, arrivano da una galassia a 3 miliardi di anni luce dalla Terra, una intelligenza aliena ci sta contattando? Decine di misteriosi segnali radio ripetuti provenienti da una lontanissima galassia suggeriscono che dietro a questo potrebbe esserci un’intelligenza aliena, oppure potrebbe essere poco più del rumore di fondo cosmico presente in natura.

Segnali radio dallo spazio
Segnali radio dallo spazio

Nel 2017 circa 72 “raffiche radio veloci”, o FRBs, sono stati rilevate provenienti da una galassia molto, molto lontana, la 121102, situata a circa 3 miliardi di anni luce dalla Terra. Nessuno li ha notati in quel momento dalla radio. I telescopi di tutto il mondo stanno costantemente scrutando i cieli “ascoltando”, per così dire, i segnali di una eventuale vita intelligente. Inoltre, molti programmi diversi sono adibiti per questo compito, questi programmi includono il progetto Breakthrough Listen e il canadese Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment (CHIME), tra gli altri. Ci vuole tempo, potenza di calcolo e algoritmi complessi per esaminare tutti questi dati e dare un senso a tutto questo. E una volta che i numeri sono stati snocciolati e le altre possibilità sono state eliminate, è stato rivelato che i misteriosi e potenziali segnali radio sono stati rilevati dal Green Bank Telescope della West Virginia. I dati hanno rivelato che le 21 raffiche di FRBs sono state ricevute dal telescopio in un periodo di 72 ore. Altre 51 raffiche di questo genere sono state individuate da altri telescopi provenienti dallo stesso punto.

Green Bank Telescope
Green Bank Telescope

I segnali interessano gli scienziati cacciatori di alieni perché, ripetono, quelli potrebbero essere un’indicazione che sono stati spediti attraverso spazio e tempo da una specie aliena intelligente. Tutti gli altri FRBs (lampi radio veloci) che in genere durano meno di un millisecondo, si sono verificati invece una sola volta. I lampi radio rari, chiamati FRBs, (millisecondi di durata), erano un fenomeno del tutto sconosciuto fino alla loro scoperta nel 2007, fanno discutere gli scienziati sulla loro origine e causa. Certo, c’è un ponte gigante da costruire tra ricevere alcuni dati interessanti e concludere una volta per tutte che la vita intelligente è là fuori nell’universo. E potrebbe benissimo essere che il segnale radio avvenga in modo naturale, come i rantoli morenti di una stella di neutroni collassante. Per gli scienziati, come Pete Worden, direttore esecutivo di Breakthrough Initiatives, molto più interessante dei segnali radio stessi è il modo in cui sono stati trovati per avere un valore scientifico.

C’erano così tanti dati da analizzare, più di 400 terabyte, che letteralmente richiedeva l’intelligenza artificiale per dare un senso a tutto. “Non tutte le scoperte derivano da nuove osservazioni, in questo caso è stato il pensiero intelligente e originale applicato a un set di dati esistente. Ha avanzato la nostra conoscenza su uno dei misteri più allettanti dell’astronomia”. Nel frattempo, a meno che e fino a quando qualcuno non decifra questi FRBs, se davvero c’è qualcosa da decifrare, saranno più una curiosità scientifica che una vera prova di vita extraterrestre. Il radiotelescopio di Green Bank, in West Virginia, USA, che ha intercettato questi FRBs, è il più grande radiotelescopio al mondo completamente orientabile. Il Green Bank opera in una fascia di lunghezze d’onda tra il millimetro ed il metro. Il radiotelescopio ha una  superficie attiva di 100 x 110 metri composta da 2004 pannelli, la cui esatta posizione è controllata da 2209 attuatori, piccoli motori in grado di correggerne l’allineamento. Le frequenze operative vanno da 290 MHz a 100 GHz.

Si ritiene che i pattern ripetuti nei segnali radio siano un indicatore di vita intelligente, allora si può dire che qualcuno dallo spazio profondo, una intelligenza aliena, sta cercando di contattarci?

Share
Precedente Tempio di Kailasa in India: come fu costruito? Successivo Somiglianze tra Impero Incas ed Antico Egitto: coincidenze?

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.