Flotta di navi fantasma è apparsa al largo delle coste del Giappone

Negli ultimi due mesi una flotta di almeno 11 navi fantasma sono apparse al largo delle coste del Giappone. Le barche in legno, alcune con almeno 20 corpi in decomposizione a bordo, sono state trovate e trainate a riva da parte delle autorità giapponesi.

Nave fantasma
Nave fantasma

Molte delle navi fantasma mostrano di essere state gravemente danneggiato, portando alcuni a credere che queste sono i resti di una flotta incappata in una recente tempesta, ma la mancanza di apparecchiature elettroniche a bordo e qualsiasi delle pratiche standard che di solito effettuavano le navi oceaniche, ha reso molto difficile identificare l’origine o la nazionalità delle navi. I corpi trovati a bordo erano in avanzato stato di decomposizione, alcuni addirittura scheletrati, il che indicherebbe che queste navi sono state alla deriva per un bel po’ di tempo. Nessuno dei corpi trovati è stato identificato.

Una delle barche è stata avvistata a circa 54 miglia nautiche al largo della costa giapponese, nel Mar del Giappone. Agganciate dalla guardia costiera, sono state trainate fino a Fukui, un porto a circa 250 miglia a nord di Tokyo. Tre corpi sono stati trovati a bordo di questa nave. L’inchiesta è attualmente in corso per determinare da dove le navi fantasma provengono, ma già sui media giapponesi il paese indiziato come probabile origine è la Corea del Nord. E’ noto che la Corea del Nord ha recentemente ampliato la gamma delle sue flotte di pesca a seguito della scarsità di cibo all’interno del paese e che diverse navi da pesca sono state recentemente perse, a causa della loro progettazione antiquata e la mancanza di moderne apparecchiature di navigazione, come ad esempio il GPS.
La scoperta di corde aggrovigliate e quelli che sembrano essere gli attrezzi da pesca sulle navi fantasma avvalora l’idea che si tratta di navi da pesca della Corea del Nord. Alcune agenzie di stampa, come il New Zealand Herald stanno segnalando che la scrittura coreana era visibile su alcune delle navi fantasma. Mentre la teoria del peschereccio è indicata da molti, il semplice fatto della distanza ha reso scettici alcuni commentatori di questa eventualità. La Corea del Nord è ad oltre 600 miglia di distanza dal Giappone, distanza molto lunga da affrontare per imbarcazioni di questo tipo. Questo ha portato alcuni ad ipotizzare che le barche potrebbero appartenere ad una flotta di rifugiati in fuga dal regime repressivo nordcoreano. Un flusso costante di rifugiati e disertori si fa strada a sud sulla terra così come per mare, e questo gruppo di navi fantasma può essersi perso cercando di sfuggire alla dura realtà della vita sotto Kim Jong Un. Una relazione su News.com rivela che i resti di una bandiera della Corea del Nord sono state trovate su una delle navi fantasma.
Di solito, le navi che hanno intenzione di lasciare le proprie acque territoriali hanno l’obbligo di trasportare apparecchiature di navigazione e tutta una tranche di documenti che identifichi sia la nave che gli eventuali passeggeri e l’equipaggio. L’apparente mancanza di aiuti alla navigazione, nonché tutta la documentazione, suggerirebbero che o queste navi non sono mai state destinate a lasciare la costa al loro punto di origine, o che il loro scopo fosse in qualche modo clandestino. Ciò  tenderebbe a favorire la teoria dei richiedenti asilo. Tuttavia ci sono delle navi che pescano al di fuori delle loro acque territoriali che mascherano la loro origine e identità, soprattutto se intendono pescare all’interno di Zona Economica Esclusiva di un’altra nazione (ZEE) senza permesso. L’immigrazione illegale in Giappone è un fenomeno poco conosciuto, ma è stato a lungo un problema per la nazione in gran parte monoculturale. Il Giappone ha visto varie ondate di immigrazione clandestina nel corso degli ultimi decenni, con le ondate di immigrati e rifugiati cinesi e nordcoreani attratti dalla relativa prosperità economica del Giappone.

 

Share
Precedente Disastro ambientale in Brasile: Rio Doce invaso da fanghi tossici Successivo Oroscopo di dicembre 2015