I Dodici Apostoli in Australia diventano diciassette

I Dodici Apostoli, attrazione turistica di Victoria in Australia, hanno cinque amici subacquei, le nuove pile calcaree sono state chiamate Apostoli affogati. Le pile calcaree dei Dodici Apostoli hanno cinque nuovi compagni aumentando il numero a 17. La formazione di roccia naturale di fama mondiale potrebbe presto essere ribattezzata se queste nuove formazioni saranno ufficialmente considerate. Molti si chiedono se i Dodici Apostoli subirà un cambio di nome a 17 Apostoli con le cinque nuove pile scoperte presso le strutture iconiche di Port Campbell della città costiera di Victoria, in Australia. La zona è molto famosa tra i turisti che l’affollano per visitare le pile di calcare al largo della costa.

12 apostoli Australia
12 apostoli Australia

Le pile di recente scoperta sono state soprannominate gli Apostoli affogati dal momento che sono completamente sommerse sott’acqua, a differenza dei Dodici Apostoli che sporgono fuori dall’acqua. Il ritrovamento è sorprendente perchè significa che sono 17 le colonne nel mare al largo della Great Ocean Road. Le pile di calcare sono alte da quattro a sei metri e si trovano a circa 50 metri sotto l’acqua. Situate a circa 6 km al largo della costa tra Point Campbell e Peterborough, queste pile sono davvero sorprendenti per un altro motivo. A differenza dei Dodici Apostoli che hanno semplicemente 6,000- 7.000 anni di età, queste nuove pile che portano il conteggio a 17, si ritiene abbiano circa 60.000 anni di età. Lo scopritore, dr Rhiannon Bezore, che ha inciampato letteralmente sulle pile di calcare mentre eseguiva delle ricerche al sonar, ha detto: “Sembravano sospette, come faraglioni e ho letteralmente fatto un doppio colpo. Questa è una specie più vecchia  perché i faraglioni sono caratteristici davvero temporanei che esistono non più di secoli nel tempo. Il fatto che siano stati avvistati o esistono, anche, è piuttosto sorprendente”.

Nonostante l’età avanzata, i ricercatori ritengono che gli Apostoli affogati e gli otto rimanenti dei Dodici Apostoli sarebbero stati tutti originariamente fatti con lo stesso calcare della costa. La semplice esistenza di pile di calcare naturali finora nell’oceano è davvero sorprendente. E’ la prima volta che pile di calcare sono trovate conservate nel mare. “Da un punto di vista scientifico, come fanno ancora ad esistere? Le pile in mare sono caratteristiche davvero transienti sulla linea costiera, le vediamo solo perché la costa si sta erodendo e stanno cadendo costantemente. Nessuno ha mai pensato che potessero essere preservate nel corso di migliaia di anni, con il livello del mare, non sono mai stati trovati in nessun’altra parte del mondo”. Queste pile di calcare non dovrebbero essere in grado di esistere per migliaia di anni, le strutture calcaree in genere hanno una durata di un paio di secoli. Il semplice fatto che queste pile non solo hanno resistito all forza del mare, ma anche alla prova del tempo, è davvero stupefacente. Forse la loro esistenza può essere attribuita ai cambiamenti geologici relativamente veloci, come l’innalzamento rapido del livello del mare. A causa di ciò, in realtà sono state sommerse prima che i processi erosivi potessero colpirle.

Brulicante di vivaci creature marine tra cui pesci, aragoste, e abalone, questi Apostoli affogati sono destinati a diventare un’attrazione turistica tale che potrebbe portare al cambio di nome dei Dodici Apostoli a 17 Apostoli.

Share
Precedente La lunga scia di sangue: attentato terroristico a Bruxelles Successivo Registrata onda d'urto da esplosione stella supernova (+video)