Il vulcano Monte Paektu a rischio eruzione distruttiva

Il vulcano Monte Paektu si trova in Corea del Nord al confine con la Cina, enigmatico per la sua posizione, adesso è a rischio di una eruzione distruttiva.

Mount Paektu
Mount Paektu

Il misterioso vulcano Monte Paektu è a rischio eruzione distruttiva, secondo gli esperti, l’ultima volta che ha fatto esplodere la sua cima era il 946 d.C., una eruzione catastrofica soprannominata “Eruzione del Millennio”. Una improvvisa esplosione ha lanciato rocce, detriti e centinaia di chilometri di cenere che sono arrivate fino al Giappone. Gli scienziati ritengono che si è trattato di una esplosione da super vulcano che ha devastato il mondo. “Credo che il rischio di una eruzione distruttiva qui è molto reale”, ha detto il sismologo Stephen Gran a National Geographic. Il rischio che il Monte Paektu possa esplodere è tale che la Corea del Nord, che lo ospita da un lato, ha aperto le sue porte ai ricercatori occidentali in un gesto senza precedenti di accesso per comprendere lo stato della montagna sacra della nazione. Il geologo R. Laurence Davis ha spiegato questa decisione in un altro modo: “La Terra stessa non presta alcuna attenzione ai confini. Si fa ciò che fa”.

Un’altra esplosione dal Monte Paektu è una prospettiva molto spaventosa perché sappiamo quasi nulla. Ma dopo un paio di anni di studio, per gentile concessione di qualche complicata diplomazia e cumuli di scartoffie internazionali, gli scienziati hanno imparato un po’di più. La montagna è alta 2.745 metri e si trova al confine tra la Corea del Nord e la Cina; i cinesi lo chiamano Changbai. I nordcoreani credono che sia il luogo di nascita del fondatore del primo regno coreano e lo hanno reso il loro emblema nazionale. Kayla Iacovino della US Geological Survey chiama la zona un “bellissimo posto”, con i villaggi aggrappati alle sue pendici, i campi di mirtilli in estate e una piscina naturale nel suo cratere sommitale chiamato “lago paradiso”. Uno dei misteri irrisolti del Monte Paektu è la sua posizione geografica. I vulcani si presentano generalmente in zone dove le placche tettoniche si scontrano, ma questo picco è situato a quasi 1000 km di distanza da una di queste, in altre parole, è nel posto sbagliato. “Questo è uno dei grandi misteri”, ha detto Iacovino. Conoscendo così poco del Monte Paektu e le sue possibilità di un’altra eruzione, i nordcoreani erano un po’ spaventati da una serie di terremoti avvenuti sulla montagna tra il 2002 e il 2005. Adesso è tornato a dormire, ma il rischio di un altra esplosione o una più massiccia come la “Eruzione del Millennio” ha scosso il Paese.

I riservati nordcoreani hanno aperto ad ovest invitando gli scienziati a studiare il mai prima studiato Monte Paektu per valutare il rischio eruzione. Dopo aver superato sanzioni e licenze, il team è stato finalmente in grado di installare sei sismometri in una linea di 60 km di lunghezza sulla montagna. Sono stati lì per due anni, ed i loro risultati sono stati appena divulgati. “Si tratta di un vulcano con un passato drammatico, ha mostrato una certa attività recente e non sappiamo molto su di esso”, ha detto il sismologo James Hammond. “Per capire sarà necessario guardare la cosa da tutti i lati. E’ il primo assaggio del vulcano sul lato coreano. Ci dà un quadro molto migliore di quello che sta succedendo al di sotto”. Questi dispositivi registrano il movimento della Terra, in profondità sotto la superficie, per determinare quali strutture si trovano là sotto. I terremoti globali creano onde sismiche che fanno suonare la Terra “come una campana”. La velocità con cui queste onde viaggiano dipende da che tipo di roccia stanno attraversando. Gli scienziati volevano sapere se c’è magma sotto il Monte Paektu, perché dove c’è magma c’è il rischio di una eruzione.

E questo è ciò che hanno trovato, uno strato di roccia parzialmente fusa sotto la cima. Quanto magma, la dimensione del serbatoio fuso e le forze che alimentano la montagna sono ancora un mistero. Ed è troppo presto per determinare quanto sia probabile che il vulcano erutti. “Questo tipo conferma l’idea che il vulcano è molto attivo. Ma quanto è ‘eruttabile?’ Questa è una grande domanda”, ha detto Iacovino. Di una cosa si è certi, un’altra esplosione da super vulcano come quella di 946 d.C., avrebbe un scenario peggiore. Gli scienziati continueranno a tenere d’occhio la montagna e continueranno a studiare quello che sta sotto.

 

Share
Precedente La Super Juventus vince il 5° scudetto consecutivo Successivo Tecnica ReAnima: resuscitare dalla morte cerebrale