Il misterioso caso di Granger Taylor: alien abduction?

Un caso di alien abduction? Granger Taylor che ha costruito una copia di UFO nel suo cortile ed affermava di essere in contatto con gli alieni è scomparso. Non fu più visto, sembra sia stato prelevato dagli alieni con i quali diceva di essere in contatto per raggiungere il loro pianeta.

Granger Taylor e il suo UFO

Granger Taylor, un espero meccanico, è sparito dalla casa dei suoi genitori a Duncan, sull’isola di Vancouver, British Colombia, Canada, senza lasciare traccia, all’età di 32, nel 1980. Rimane uno dei più bizzarri ed irrisolti casi di persone scomparse. Granger era un meccanico di talento che ha abbandonato la scuola in anticipo, ma che è stato in grado di costruire un’automobile monocilindrico a soli 14 anni. Il suo progetto più memorabile era la costruzione di un UFO riparo da due antenne paraboliche che egli equipaggiò con mobili, TV e stufa. Ma il suo fascino per la possibilità di visite aliene è diventato più serio quando ha affermato di essere in contatto costante con esseri alieni che gli hanno promesso di portarlo al loro mondo.

In una notte di tempesta, il 29 novembre 1980, Granger Taylor ha lasciato uno strano biglietto per i suoi genitori Jim e Grace Taylor, e non fu più visto. Il biglietto è stato lasciato in un fienile della proprietà dove stava lavorando su una serie di progetti. Diceva: “Cara madre e padre, io sono andato via a bordo di una nave aliena, come nei sogni ricorrenti, mi hanno assicurato viaggio interstellare di 42 mesi per esplorare il vasto universo, per poi ritornare. Lascio alle spalle tutti i miei beni a voi perché io non ne ho più bisogno. Vi prego di seguire le istruzioni della mia volontà come guida per aiuto. Con affetto, Granger”. Sul retro c’era una mappa di Waterloo Mountain, a 20 miglia a ovest della proprietà Taylor, mentre il suo pick-up Datsun 1972 non c’era più. Una grande ricerca è stata lanciata dal Royal Canadian Mounted Police (RCMP) per circa quattro anni, ma non è mai stata trovata nessuna traccia dell’uomo e della sua macchina.

Ospedale, passaporto, occupazione e registrazioni del veicolo sono stati controllati senza alcun risultato. I suoi genitori non hanno mai perso la speranza del suo ritorno e hanno lasciato la porta sul retro aperta ogni sera, ma Granger Taylor non è mai tornato. I suoi genitori hanno lasciato lì l’UFO e tutte le sue altre creazioni, proprio come lui li aveva lasciti. Papà Jim ha detto anni dopo: “Mi è difficile credere Granger sia in una navicella spaziale, ma se c’è un oggetto volante là fuori, è lui a trovarlo”. Malgrado tutte le ricerche non è mai stato ritrovato. Questo fatto è spesso raccontato nei siti web dei “teorici del complotto alieno” come presunta prova di un rapimento alieno (alien abduction).

Ma, l’edizione del 31 marzo 1986 del Montreal Gazette, cinque anni e mezzo dopo la scomparsa, ha scritto che due pezzi di osso, che avrebbero potuto essere di Granger Taylor, e parti di ciò che si credeva essere il suo pick-up, erano stati trovati in un luogo dove c’era stata una esplosione di dinamite sul monte Prevost. Il rapporto ha detto che Granger aveva preso la dinamite dalla casa dei suoi genitori quella notte e il luogo dell’esplosione era ad appena quattro miglia dalla proprietà. “Due pezzi di ossa sono state trovate nel luogo dell’esplosione e un patologo ha confermato che sono umani. Fino a quando non vengono trovate ulteriori prove, la RCMP sta assumendo che sono di Taylor”. Ad oggi però non si sa se è stato poi confermato che erano le sue ossa. Il fatto certo è che Granger Taylor è misteriosamente scomparso e non fu mai più visto.

Share
Precedente Monolito Pokotia: i Sumeri in Bolivia Successivo Secondo i Plejaren la Terra verrà evacuata nel 3178