Somiglianze tra Impero Incas ed Antico Egitto: coincidenze?

Vi sono almeno 15 somiglianze che supportano l’ipotesi di una connessione tra l’Antico Egitto e le popolazioni native dell’America precolombiana, gli Incas. Molti autori popolari suggeriscono la possibilità che i siti misteriosi di tutto il mondo sono stati creati con l’aiuto di conoscenze e tecnologie di una civiltà perduta più avanzata, altri non credono che in qualche modo ci sono state civiltà tecnologicamente avanzate sulla Terra e che le conoscenza straordinarie ci sono state consegnate dagli antichi astronauti extraterrestri, ma la stragrande maggioranza degli scienziati non aderisce a nessuna di queste idee e cerca di spiegare gli antichi enigmi come evoluzione naturale dei popoli.

Incas - Egypt
Incas – Egypt

In un passato remoto, c’era un collegamento tra l’Egitto e l’America? L’Impero Incas e l’Antico Egitto hanno mai avuto contatti? Secondo il punto di vista ufficiale, non c’era alcun contatto tra il Vecchio Mondo e il Nuovo Mondo prima di Colombo (altre ricerche e riscontri hanno dimostrato non è vero), tuttavia, sono state trovate numerose somiglianze che suggeriscono un legame tra l’Egitto e il continente americano. Ecco alcuni dettagli che causano ancora controversie nella comunità scientifica, facendo appello al suo discernimento, se questa è una mera coincidenza o obbedisce a qualche causa meno diretta dal caso. Ci sono molti enigmi irrisolti, sconcertanti similitudini che in un modo o nell’altro legano gli antichi egizi agli antichi popoli Incas e pre-Incas, sebbene entrambe le culture si siano evolute su lati opposti del pianeta e separate dagli oceani. Si potrebbe credere e chiarire che queste due culture hanno ereditato un’alta saggezza dalla stessa fonte o condividono una “civiltà madre” persa nella storia.

Piramidi. Civiltà che hanno costruito piramidi di pietra, entrarono nel deserto lungo i fiumi e le allinearono con i punti cardinali e le stelle.

Mummie. Culture che mummificavano i loro morti, che simboleggiavano una credenza in una vita oltre la morte, queste mummie erano sepolte all’interno delle piramidi, spesso con offerte di cibo e oggetti personali.

Maschere funerarie d’oro. Maschere d’oro per i loro morti, volendo improvvisamente simboleggiare la loro entrata nell’eternità, il “dall’altra parte” del velo, il posto più alto in cielo, che è eterno e spirituale, a differenza della Terra, che è temporanea e fisica. Ma in questo senso, si potrebbe parlare di una sorta di trasmutazione alchemica e dà l’idea che, mentre erano lì, queste anime eterne che hanno assunto la leadership in forma umana, mutati in qualcosa di più prezioso, per una vita spirituale “dorata”.

Simboli a croce
Simboli a croce

Collane d’oro. Adornavano i loro morti con collane d’oro, le cui estremità erano formate da teste di  animali doppi, rivolte verso l’esterno, che simboleggia le nostre facoltà umane e animali in equilibrio, lo stato di pace, un luogo di potere ed eternità. Questo stato di “equilibrio” potrebbe essere simboleggiato nella trasformazione alchemica dell’oro.

Blocchi di pietra simile. Si costruiva con un aspetto molto simile, anche nei dettagli delle dimensioni delle “buche”. Come può essere spiegato?

Porte trapezoidali. Hanno costruito porte trapezoidali, il che significava “cercare” il progresso spirituale. Il trapezio è simile a un triangolo, che denota l’ascensione e la trascendenza spirituale, questo tipo di porta è usato da molte culture antiche ed ha a che fare con una sorta di carma o “nirvana” raggiunto da queste persone. Il tocco di design con serpenti gemelli simmetrici sopra la porta d’ingresso trapezoidale nei loro templi, dà l’idea di cercare di bilanciare le energie opposte.

Teschi allungati. In entrambe le culture l’allungamento dei teschi è un enigma, ma se potessimo formulare ipotesi, potremmo dire che questa pratica mirava ad affinare i sensi e migliorare la visione spirituale o imitare qualche “essere mitologico” o gli “Déi celesti”.

Obelischi con geroglifici. Eretto in luoghi sacri, il culto di questo simbolo fallico è stato associato agli dei, gli obelischi sono stati costruiti come “Il fallo perduto” è quindi l’energia maschile, ed è quasi sempre posto come sempre all’interno di un cerchio che rappresenta l’aspetto dell’energia genitale delle donne. L’obelisco al centro di un cerchio rappresenta l’atto sessuale e l’unione di forze contrapposte. Nel nostro mondo moderno, obelischi si trovano in luoghi praticamente tutti i più importanti, diventando un simbolo del potere della “elite”.

Religione solare. Utilizzare il simbolismo solare come una parte importante della loro religione, in Egitto, il dio Ra era il sole e in Perù la divinità solare era Inti .

Simbolismo solare parallelo. Divinità rappresentate da animali collocati in perfetta simmetria e che fiancheggiano uno scudo solare centrale.

Copricapo con animali sulla fronte. Entrambe le civiltà usano un “motivo animale sulla fronte” per evocare il potere del Terzo Occhio.

Croce come simbolo. Chakana per gli Incas, Ankh per gli egizi. E’ stato anche usato il disegno a gradini che simboleggia l’ascesa graduale dell’iniziato nel suo viaggio esoterico.

Icone di Dio.  “Dei dei báculos” o “Dei delle aste” i suoi opposti bastoni-serpenti nelle mani sono un altro caso dell’infinità di rappresentazioni di divinità inclinate da animali opposti che simboleggiano le forze opposte del bene e del male, l’ordine e il caos, ecc.

Barche rosse. Gli antichi egizi e gli Incas costruirono barche parallele di rete vegetale.

Divinità fluttuanti. Sia gli antichi Egizi che gli Incas rappresentano divinità fluttuanti.

Share
Precedente Misteriosi FRBs ripetuti da una lontanissima galassia Successivo La lampada perpetua, una luce nel passato