Il vulcano Etna sta lentamente scivolando in mare

Per migliaia di anni il principale pericolo proveniente dal vulcano Etna è stato il fuoco delle sue eruzioni, adesso potrebbe essere l’opposto: l’acqua. La notizia è che il vulcano sta collassando e scivolando lentamente verso il Mare Mediterraneo. Un movimento strisciante che si osserva da decenni, ma una nuova ricerca suggerisce che questo fenomeno colossale potrebbe essere un rischio ben maggiore di quanto chiunque abbia mai realizzato.

Eruzione Etna
Eruzione Etna

Gli scienziati avvertono: l’Etna “Potrebbe crollare catastroficamente” nel Mare Mediterraneo scatenando un enorme tsunami mortale. L’Etna è il più alto vulcano attivo d’Europa con i suoi 3350 metri ed in questi giorni è tornato a eruttare come spesso ha fatto negli ultimi decenni. Una preoccupazione in più sono i terremoti avvertiti in questi giorni nell’area del vulcano (Catania e dintorni): potrebbero essere i sintomi di una accelerazione dello slittamento? Oppure i sintomi di una nuova eruzione esplosiva? “L’intera pendenza è in movimento a causa della gravità”, spiega il geofisico Heidrun Kopp del Centro Geomar Helmholtz per la ricerca oceanica in Germania. “È quindi possibile che possa collassare in modo catastrofico, il che potrebbe innescare uno tsunami in tutto il Mediterraneo”. Mentre la causa esatta dello scorrimento lento dell’Etna (a una velocità media di 14 millimetri all’anno) non è mai stata completamente compresa, gli scienziati hanno precedentemente pensato che il passaggio potrebbe essere dovuto a un accumulo di magma all’interno del vulcano. Ma non è quello che suggerisce la nuova ricerca.

Etna collasso
Etna collasso

Per indagare, nell’aprile 2016 i ricercatori hanno allestito una rete di cinque trasponditori sottomarini per monitorare continuamente la dislocazione del fondo marino lungo il confine meridionale sommerso dell’Etna. Ogni 90 minuti ognuna di queste stazioni geodetiche si “ping” l’un l’altra con un segnale acustico. Qualsiasi cambiamento nella quantità di tempo impiegato per il segnale da rilevare indicherebbe il movimento del transponder a causa del mutevole spostamento del fianco sud-orientale dell’Etna, con il sistema preciso per spostamenti di meno di un centimetro. Per un anno non è successo niente. Poi, nel 2017, il fianco subacqueo mutevole dell’Etna si è spostato di 4 centimetri tra il 12 maggio e il 20 maggio, un movimento corrispondente ad un movimento di errore di otto giorni lungo la regione (un cosiddetto evento di “scivolamento lento”, dove avviene uno spostamento lungo una faglia senza che si verifichi un terremoto). Lo spostamento improvviso, che si verifica sott’acqua e così lontano dal cuore infuocato dell’Etna, significa che il lento scorrere del vulcano nel Mediterraneo è episodico, ed è principalmente guidato dall’instabilità dovuta alle forze gravitazionali, piuttosto che dalla rottura sismica stimolata dalle dinamiche del magma nascoste all’interno del vulcano (che probabilmente non sta aiutando neanche).

In ogni caso, almeno a lungo termine, questa non è una buona notizia. “Nel caso dell’Etna, la nostra analisi della deformazione del litorale che attraversa il litorale implica un rischio maggiore per il collasso del fianco rispetto a quanto precedentemente ipotizzato, poiché lo scorrimento gravitazionale radicato può potenzialmente portare a un collasso catastrofico”, scrivono gli autori nel loro articolo. Anche se non vi è alcun suggerimento che un simile catastrofico collasso si verificherà presto, né vi è alcun modo di predire quando potrebbe aver luogo, i ricercatori avvertono che la statura dell’Etna potrebbe significare un disastro un giorno. “L’Etna è enorme, è alto più di 3.000 metri e si alza dal livello del mare”, ha detto il primo autore e geodinamico della marina Morelia Urlaub. “Puoi pensare ad una lenta frana al momento … ma c’è il pericolo che possa accelerare e formare una frana che si muove davvero velocemente nel mare”. Se ciò accadesse, questa gigantesca torre di montagna e magma potrebbe precipitare a ridosso del mare siciliano nel Mediterraneo, innescando un disastroso tsunami che potrebbe inghiottire l’intera regione.

Il pericolo sarebbe grosso se nessuno lo credesse, poiché il team riconosce che potrebbe non succedere per altri 100.000 anni, ma se la storia è una guida, è probabilmente solo una questione di tempo prima che il lento spostamento dell’Etna diventi qualcosa di molto più drammatico. “Sappiamo da altri vulcani nelle registrazioni geologiche che questi sono crollati in modo catastrofico”, ha detto Urlaub. “C’è un pericolo: dobbiamo solo tenere d’occhio il fianco dell’Etna e come si muove”. I risultati dello studio sono riportati in Science Advances .

Share
Precedente I tubi di Baigong hanno 150 mila anni Successivo La Terra è composta da due pianeti