Una misteriosa ondata sismica ha scosso la Terra

Una misteriosa ondata sismica di origine sconosciuta ha scosso la Terra l’11 novembre 2018 e gli scienziati non riescono a spiegarselo. Cosa è successo? Gli scienziati non riescono a spiegare uno strano evento sismico che ha scosso il pianeta l’11 novembre e che è stato rilevato dai sensori dei sismografi di stanza in tutto il mondo. L’origine sembrerebbe l’arcipelago di Mayotte nell’Oceano Indiano.

Ondata sismica Isola di Mayotte
Ondata sismica Isola di Mayotte

Mentre la causa di questo misterioso disturbo rimane sconosciuta, è in qualche modo legata a uno sciame sismico in corso che ha colpito l’arcipelago di Mayotte nell’Oceano Indiano per diversi mesi, anche se questi tremiti insoliti alla fine non sono chiari. “Non penso di aver mai visto niente del genere”, ha detto a National Geographic il sismologo Göran Ekström della Columbia University sull’anomala ondata sismica. Quasi esattamente un anno e mezzo prima che questo strano segnale arrivasse, i sismologi furono sorpresi da un altro tipo di anormale attività sismica nelle stesse vicinanze: uno sciame di centinaia di piccoli e frequenti terremoti che hanno origine a circa 50 chilometri dalla costa orientale di Mayotte. Il gruppo di isole e isolette, situate all’incirca a metà strada tra l’Africa e il Madagascar, è governata dalla Francia, ma è anche rivendicata dalla nazione insulare delle Comore.

La mattina del 10 maggio, questa regione è stata scossa da un terremoto che si è presentato senza preavviso, seguito da una serie di centinaia di tremori che devono ancora scomparire. Il più drammatico di questi, un evento di magnitudo 5.8 avvenuto il 15 maggio, è stato il più grande terremoto mai registrato nel bacino delle Comore, e mentre lo sciame è generalmente diminuito di intensità da allora, una rinascita di magnitudo 5.1 proprio la settimana scorsa è servita a ricordare che questa turbolenza terrena non è ancora finita. Mentre gli sciami dei terremoti sembrano allarmanti, non sono necessariamente eventi pericolosi. In questo caso, un’analisi preliminare della ondata sismica dei ricercatori dell’École Normal Supérieure di Parigi suggerisce che i tremori non possono essere spiegati dal solo movimento tettonico, il che significa che anche l’attività vulcanica nella regione deve essere coinvolta. Il che ci porta all’11 novembre.

Meno di tre settimane fa, durante lo sciame, ma in un giorno in cui non sono state effettivamente rilevate scosse, gli scienziati hanno registrato qualcos’altro: una strana, lunga e piatta vibrazione che canticchiava costantemente, senza le fluttuazioni spinose che sono la firma del solito terremoto. Invece, questo “segnale a bassa frequenza atipico”, per citare il Bureau de Recherches Géologiques della Francia (BRGM), si è ripetuto in un’onda circa ogni 17 secondi, per un totale di circa 20 minuti. “Ci sono molte cose che non sappiamo”, ha detto al National Geographic il ricercatore Nicolas Taillefer, capo dell’unità sismica e di rischio vulcanico di BRGM. “È qualcosa di completamente nuovo nei segnali delle nostre stazioni di rilevamento”. Il che non vuol dire che la squadra non abbia un’ipotesi su questa strana ondata sismica. Con ciò che sospettiamo già dello sciame sismico, la migliore ipotesi dei ricercatori è che la vibrazione anomala fosse anche legata all’attività vulcanica, forse a causa di un enorme movimento di magma sotto l’Oceano Indiano.

Se è così, questo potrebbe anche spiegare qualcos’altro: Mayotte non è ferma. Le letture GPS indicano che da luglio, dopo l’inizio dello sciame, l’isola si è spostata di circa 60 mm a est e 30 mm a sud. Secondo un’analisi, questo movimento potrebbe essere dovuto allo svuotamento di un bacino di magma nelle vicinanze, anche se sarebbero necessarie ulteriori ricerche per verificarlo. Se l’ipotesi si rivelerà corretta, nessuno può dire con certezza cosa potrebbe accadere, ma la modellazione indica che Mayotte potrebbe continuare a muoversi finché lo sciame persiste. In pratica sembra che l’isola si sposti sotto l’influsso della ondata sismica. Per quanto riguarda se incontreremo di nuovo il segnale misterioso, nessuno lo sa. “Queste osservazioni quindi confermano l’ipotesi di una combinazione di effetti tettonici e vulcanici che considerano un fenomeno geologico che coinvolge una sequenza sismica e un fenomeno vulcanico”, spiega il BRGM. “Questa ipotesi dovrà essere confermata da futuri studi scientifici”.

Share
Precedente Progetto ISIS: il KGB e l'antico dio alieno Successivo I misteriosi hobbit non erano umani