Bambini geneticamente modificati

Umani geneticamente modificati sembra un termine fantascientifico, ma in realtà è una possibilità molto reale e molto discussa nella comunità scientifica. Contribuendo ad uno degli argomenti più controversi fino ad oggi, non molto tempo fa, un gruppo di esperti scientifici negli Stati Uniti ha esaminato ed ha dato il proprio supporto per l’editing di germinali.

Geneticamente modificati 1
Geneticamente modificati 1

Ciò significa che in futuro i genitori saranno probabilmente in grado in pre-parto di manomettere la genetica dei loro bambini avendo così dei figli geneticamente modificati. La tecnologia di scelta germinale si riferisce alle tecnologie di ripogenetica che consentono ai genitori di modificare le costituzioni genetiche dei loro figli. Uno dei modi in cui questo può essere fatto è attraverso la modifica della linea germinale, che è un termine più elaborato per l’ingegneria genetica umana. La modifica della germinazione altera i geni di uno spermatozoo o di un uovo, ma cambia il futuro DNA di ogni singola cellula nell’embrione. I gruppi di studio erano composti da esperti di due delle più prestigiose istituzioni scientifiche degli Stati Uniti, entrambi i quali raccomandavano che la modifica germinale fosse vista come una seria opzione in futuro e non fosse vietata a titolo definitivo. Si tratta di una posizione drammaticamente diversa rispetto all’ultima valutazione data a dicembre 2015 da un  summit internazionale di scienziati, che ha affermato che sarebbe  “irresponsabile procedere” con il cambiamento di linea in considerazione della controversia che circonda l’argomento e dei problemi di sicurezza che devono ancora essere risolti.

Geneticamente modificati 2
Geneticamente modificati 2

Le discussioni dei pannelli possono essere ulteriormente analizzate in un  rapporto pubblicato all’inizio di questa settimana dalla National Academy of Sciences degli Stati Uniti e dall’Accademia nazionale di medicina. Il gruppo di esperti ha raccomandato che la modifica in linea germinale di embrioni, uova o spermatozoi precoci dovrebbe essere consentita solo per prevenire gravi malattie o disabilità se esistono prove scientifiche significative che dimostrino che le procedure sono sicure. Lo scorso novembre, He Jiankui, un professore di biologia cinese presso la Southern University of Science and Technology (SUST) a Shenzhen (provincia del Guangdong) ha annunciato che lui e il suo team avevano creato i primi “bambini geneticamente modificati” del mondo: i gemelli Lula e Nana. Il Dr. He Jiankui, ha usato la tecnologia CRISPR “per alterare gli embrioni di sette coppie ([presumibilmente) per renderli resistenti all’HIV”. He Jiankui ha fatto il suo annuncio al secondo summit internazionale sull’editing del genoma umano tenuto all’Università di Hong Kong. Il Dr. He sostiene di aver usato CRISP ” per modificare il DNA degli embrioni umani durante la fecondazione in vitro”.

Le implicazioni di questo esperimento sono di vasta portata. La modifica genetica delle forme di vita umane inclusi gli embrioni ha un impatto sul futuro dell’umanità. Apre il vaso di pandora dell’ingegneria genetica applicata agli esseri umani, mina la “riproduzione della vita reale”, potenzialmente distrugge l’umanità. L’esperimento solleva importanti questioni scientifiche ed etiche. Gli embrioni umani non sono materie prime. Il governo cinese ha immediatamente aperto un’indagine, il dott. He Jiankui è stato licenziato dalla sua università nel gennaio 2019. Nonostante i regolamenti governativi e le questioni etiche, ci sono potenti interessi corporativi coinvolti nello sviluppo e brevettazione dell’editing genetico di forme di vita tra cui le scoperte del Dr. He sui “bambini geneticamente modificati“. Mentre il progetto di biologia di laboratorio del Dr. He’s University a SUST è stato chiuso, egli rimane comunque Presidente e maggior azionista della società diretta di genomica di Shenzhen,  una società di “sequenziamento del genoma”, con ampie risorse finanziarie.

Direct Genomics ha ricevuto almeno 43 milioni di dollari di finanziamenti da investitori cinesi e internazionali: “. Il finanziamento è stato guidato da Shenzhen Cosun Venture Capital Investment Management, una società di venture capital di proprietà della quotazione di Shenzhen di  Coship Electronics e Chen Libei , un dirigente della Fortune Capital sostenuta dallo stato. Tra gli altri investitori c’è  Beijing Xiyi Asset Management , che ha un solo accordo di venture capital – Direct Genomics – sin dal suo inizio nel 2016 su record pubblici. A novembre 2016, Direct Genomics ha ricevuto un finanziamento non rivelato da tre investitori, Pechino Tengye Venture Capital, Amer International Group e Sinotech Genomic’s, secondo tianyancha.com, un fornitore di dati aziendali cinesi. (SCMP, 29 novembre 2018).

Stiamo parlando quindi di “Big Business” che implica il potenziale marketing e vendita di forme di vita umane e animali geneticamente modificate. Immaginate le potenziali applicazioni strategiche e militari, per non parlare dell’emergere di un’economia del servizio sanitario aziendale per i super-ricchi, dove i “bambini perfetti” geneticamente modificati possono essere acquistati per un milione di dollari. A seguito dell’indagine del governo cinese, non ci sono prove concrete che questo progetto di editing genetico aziendale sia stato interrotto. Piuttosto il contrario. Vale la pena notare che  i diritti di proprietà intellettuale relativi alla tecnologia di modifica dei geni CRISPR -Cas9 utilizzata dal team del Dr. He (ovvero la modifica del DNA della vita umana e animale) non sono registrati in Cina. Il brevetto appartiene a un’entità con sede negli Stati Uniti: Broad Institute , con sede a Cambridge, Massachusetts, con collegamenti a Harvard e al MIT. Il  Broad Institute  è fermamente impegnato nel perseguimento dell’editing genetico delle cellule viventi umane. La capacità di modificare precisamente il genoma di una cellula vivente offre un enorme potenziale per accelerare la ricerca sulle scienze della vita, migliorare la biotecnologia e persino curare le malattie umane.

Mentre il Broad Institute possiede la tecnologia intellettuale, CRISPR-Cas9 è stato inventato da uno scienziato americano cinese, il Dr. Feng Zhang, con sede al Broad Institute e al MIT. Il professor Feng Zhang del MIT che ha  risposto al controverso annuncio del dott. He, chiede “una moratoria sull’impianto di embrioni (umani) modificati fino a quando non avremo messo a punto una serie premurosa di requisiti di sicurezza”. Questa dichiarazione rappresenta gli interessi del Broad Institute. Secondo il professor David Liu,  collega di Feng Zhang  (anche a nome del Broad Institute): “Il Dr He  ha riportato l’uso della nucleasi CRISPR per modificare CCR5 negli embrioni umani, dando luogo a nascite vere, questo costituisce una grave violazione dell’etica. In primo luogo, i bambini umani geneticamente modificati sono stati generati senza il pieno coinvolgimento di esperti indipendenti di etica, le istituzioni normative competenti e gli organi direttivi sono spaventosi. Queste affermazioni equivalgono a “lacrime di coccodrillo”. In mancanza di una regolamentazione governativa efficace (ad esempio, da parte dell’amministrazione Trump), le considerazioni etiche verranno infine eliminate o aggirate.

“Moratoria” piuttosto che “Abolizione” di una tecnologia potenzialmente pericolosa è il punto di discussione: “Abbiamo una moratoria legale su questo qui”, ha  detto il commissario FDA degli Stati Uniti Scott Gottlieb. Le potenziali applicazioni sono anche relativamente pericolose se entrano nelle mani di persone che non hanno buon senso o hanno cattive intenzioni” (Bloomberg SFGate , 27 novembre 2018). Una moratoria per conto di coloro che possiedono il brevetto CRISPR non preclude lo sviluppo e la commercializzazione a scopo di lucro dell’editing genetico di embrioni umani. Il denaro è la forza trainante. La moratoria alla fine verrà revocata. Potenzialmente, la posta in gioco è un’impresa da molti miliardi di dollari. Con ogni probabilità, ci sarà una battaglia per i diritti di proprietà intellettuale relativi alla tecnologia CRISPR-Cas9, che coinvolge sia gli interessi aziendali statunitensi che quelli cinesi. Mentre il Broad Institute ha ottenuto la proprietà del brevetto CRISPR-Cas9 dalla Corte d’appello statunitense per il Circuito Federale, meno di 3 mesi prima dell’annuncio del Dr. He ad Hong Kong, la proprietà di CRISP è attivamente contestata. L’Università della California a Berkeley è anche coinvolta nella lotta per la proprietà dei brevetti contro il Broad Institute di Cambridge.

Nonostante i regolamenti governativi e le questioni etiche sui bambini geneticamente modificati, ci sono potenti interessi corporativi coinvolti nello sviluppo e nella brevettazione dell’editing genetico delle forme di vita. I progressi umani nel campo della biotecnologia e della tecnologia saranno plausibili e utili solo quando saranno utilizzati per il bene dell’umanità, spazzare via le malattie, per esempio, al servizio degli altri, senza alcun altro uso o intenzione dietro al loro sviluppo. Il problema quindi non è il potenziale e l’atto di modifica genetica, ma è l’acquisizione corporativa dell’umanità, dove le grandi corporazioni agiscono dall’intento del profitto e del controllo invece di agire al servizio diretto al bene dell’umanità.

Share
Precedente La misteriosa morte di tre astronauti Successivo La grande illusione della pensione di cittadinanza