I Ctones: la tribù che vive nelle profondità della Terra

Una storia incredibile questa che andiamo a raccontarvi, nelle profondità della Terra in un sistema di grandi grotte vivrebbe un popolo misterioso i Ctones. Questa storia ebbe inizio il 28 febbraio 2003 quando una miniera è crollata vicino alla città cinese di Jixi, nella provincia di Heilongjiang. 14 minatori non sono tornati alle loro famiglie. Le squadre di soccorso hanno recuperato i corpi di solo 12 dei 14 minatori scomparsi. Due dei lavoratori, Lao Pen e Wan Hu, non furono trovati da nessuna parte nella miniera, erano spariti.

Ctones - grotta profonda
Ctones – grotta profonda

Ma questa storia è diventata famosa 5 anni dopo, quando ci fu una svolta inaspettata di eventi. Misteriosamente, dopo cinque anni, nel 2008, Wan Hu è tornato a casa, ma sua moglie si era già risposata e i suoi figli erano andati via. Wan Hu acquistò una nuova casa e dedicò il suo tempo al giardinaggio. Ma poco dopo le autorità, apprendendo dello strano caso, hanno scoperto che la sua famiglia aveva ricevuto compensi che non avrebbe dovuto ricevere perché Wan Hu era vivo. Quando è stato chiesto a Wan Hu se lui e la sua famiglia avevano approfittato della situazione, Wan Hu ha detto di no e ha pagato tutte le spese al governo. Quindi gli chiesero dove fosse stato per tutto questo tempo, lui rispose che durante il periodo della sua assenza aveva vissuto con la potente civiltà sotterranea dei Ctones e che non era stato in grado di inviare un messaggio da lì per avvisare che era sopravvissuto.

Crollo miniera
Crollo miniera

La sua insolita dichiarazione ha sconcertato le autorità e hanno pensato che fosse pazzo. Wan Hu è stato testato e visitato, ma i medici hanno concluso che era fisicamente e mentalmente sano. Hanno attribuito la sua storia incredibile alla sua immaginazione. Ma i medici non sono stati in grado di spiegare perché l’ex lavoratore della miniera non abbia mostrato alcun segno di antracosi, che è la deposizione di polvere di carbonio all’interno dei polmoni inalando aria con fuliggine. Secondo le sue cartelle cliniche, prima dell’incidente, Wan Hu aveva già mostrato segni di antracosi e si sarebbe dovuto ritirare presto. Ma dopo il suo presunto soggiorno in una città sotterranea, il minatore non ha avuto più alcuna traccia di patologia polmonare. Inoltre aveva tutti e 32 i denti, nonostante il fatto che, secondo le sue cartelle cliniche, avrebbe dovuto averne solo 25. Sebbene avesse 39 anni, la sua salute sembrava essere quella di un giovane dai 26 ai 28 anni.

Inoltre, Wan Hu aveva 40.000 yuan (oltre 5.000 euro attuali) sul suo conto bancario. Una ricerca autorizzata ha stabilito che aveva 10.000 yuan in più in contanti e diamanti non tagliati per un valore di 300.000 yuan. Le autorità sospettavano che l’uomo non fosse davvero Wan Hu, ma un agente segreto di un paese straniero. Più tardi, si è scoperto che ha ottenuto i soldi dopo aver venduto diamanti non tagliati a un gioielliere a Shanghai. Wan Hu ha detto alle autorità di aver ricevuto i diamanti dai Ctones. In sintesi, ecco la sua storia. Dopo il crollo della miniera, Wan Hu e Lao Pen, furono separati non solo dalla superficie ma anche dagli altri minatori. Hanno aspettato tre giorni con abbastanza acqua, ma praticamente senza cibo e non c’erano segni di operazioni di salvataggio. Decisero quindi di esplorare antichi tunnel, che conducono alla parte più profonda della miniera, sperando di trovare la loro strada verso la superficie. Sfortunatamente, non era così e si addentrarono ulteriormente nel labirinto dei tunnel.

E lì furono attaccati da strani esseri umani, i Ctones. Sebbene fossero bassi di statura, i Ctones riuscirono a catturare i due minatori. Ma li nutrirono bene e li condussero ancora più in profondità nel loro regno. I Ctones avevano creato un sistema di lenti che illuminavano i tunnel, al punto da poter persino leggere un libro lì. Alla fine dei tunnel, c’erano grandi grotte in cui vivevano migliaia di individui. Wan Hu era sicuro che fossero umani, sebbene fossero di statura molto bassa. I due minatori vissero tra i Ctones per cinque anni. La loro lingua era molto diversa dal cinese, ma era facile da imparare e presto furono in grado di comunicare con loro. Quando hanno iniziato a parlare con la civiltà sotterranea, hanno capito che non erano prigionieri. I Ctones credevano che la vita in superficie fosse un peso terribile, ed è per questo che pensavano che Wan Hu e Lao Pen stessero cercando di fuggire in un mondo migliore. E in verità, non c’era fame o malattia nella civiltà sotterranea.

La loro unica fonte di cibo era un fungo che abbondava in queste grotte. Secondo Wan Hu, il fungo aveva un sapore specifico, qualcosa di fresco, ma, soprattutto, era incredibilmente sano. Ecco perché i suoi denti cambiarono, era comune nei Ctones il cambiamento dei denti ogni 20-25 anni durante la loro vita, che raramente era inferiore a 200 anni. Il popolo sotterraneo aveva persino un sistema di scrittura sviluppato. E anche la carta, realizzata con diversi tipi di stampi. La civiltà sotterranea aveva familiarità con la metallurgia, ma raramente usava il ferro, invece usava bronzo, argento e oro. Non vivevano nel lusso e si accontentavano delle cose più necessarie. Dato che i due minatori non erano considerati prigionieri, vivevano come i Ctones, e avevano persino famiglia. Questo non era un brutto modo di vivere, ma Wan Hu voleva rivedere il Sole. I Ctones cercarono di dissuaderlo, ma fu irremovibile nella sua decisione. Fu condotto allora in una grotta dove c’era un buco che portava in superficie.

Questa è solo una piccola parte dell’intera storia di Wan Hu. Successivamente, misteriosamente, è stato dichiarato pazzo ma è stato persino mandato in una base militare invece del manicomio psichiatrico locale. Chissà, forse i militari volevano conoscere come accedere alla misteriosa civiltà sotterranea ed hanno sequestrato il povero Wan Hu. Nessuno ha avuto più sue notizie.

Share
Precedente Allarme acqua dolce: il mondo ha sete, ma quanti sprechi! Successivo Pescato un rarissimo pesce di 300 milioni di anni fa