Gemelle Pollock un caso di reincarnazione documentato

La reincarnazione è un tema delicato poco conosciuto e poco credibile qui in Europa, ma il caso che segue riguarda le gemelle Pollock, un caso documentato. La reincarnazione può essere definita come il processo mediante il quale, quando una persona muore, la sua anima si separa dal corpo per prendere possesso, dopo un po’ di tempo, un altro nuovo corpo per rinascere di nuovo sulla Terra. La premessa principale di questo fenomeno è che l’anima o lo spirito deve “viaggiare” attraverso corpi diversi allo scopo di apprendere in varie vite le lezioni dell’esistenza terrena, fino a raggiungere la massima perfezione, una forma di liberazione o unione con Uno stato di più alta coscienza. Quando l’anima raggiunge quella perfezione, non ha più bisogno di reincarnarsi, si immergerà per sempre nell’infinito dell’eternità.

Gemelle Pollock
Gemelle Pollock

Un medico canadese, professore universitario e psichiatra, Ian Stevenson, che ha indagato per oltre 40 anni su tremila casi di bambini con ricordi di vite passate, ha descritto nel suo libro “Casi europei del tipo di reincarnazione”, uno dei più intriganti casi sul fenomeno della reincarnazione: il caso delle gemelle Pollock. Come riportato da Stevenson nel suo libro, tutto iniziò domenica 5 maggio 1957 nella città di Whitley-Bay, nel Regno Unito, sulle rive del Mare del Nord. I coniugi John e Florence Pollock lasciarono la loro casa per andare come al solito la domenica per assistere alla messa di mezzogiorno nella chiesa del villaggio. Erano accompagnati dalle loro due giovani figlie, Joanna e Jacqueline Pollock, di 11 e 6 anni. Tuttavia, prima di arrivare in chiesa, è avvenuta la tragedia. Le ragazze, sopravanzando i loro genitori per assicurarsi un posto nella chiesa, quando svoltarono un angolo e attraversarono incautamente una strada, si ritrovarono di fronte a un veicolo che li travolse uccidendole all’istante.

Un anno dopo il fatale incidente e l’approvazione dell’antico aforisma cristiano che dice “Dio dà e Dio toglie”, i Pollock erano ancora una volta genitori. Questa volta, due gemelle, Gillian e Jennifer, nati il ​​4 ottobre 1958 con 10 minuti di differenza. Tuttavia, dopo che le gemelle Pollock compirono i tre anni e iniziarono a modulare bene le loro prime parole, i loro genitori notarono che era successo qualcosa di strano: le gemelle erano in grado di ricordare gli eventi passati nella vita delle loro due sorelle morte nel 1957. In effetti, le gemelle Pollock, Gillian e Jennifer, sembravano conoscere perfettamente ogni angolo della loro casa e gli stessi abitanti del villaggio. Le loro abitudini e costumi erano identici a quelli delle loro sorelle morte e parlavano allo stesso modo. Sebbene fossero gemelle, una sembrava essere più grande e protettiva verso l’altra che sembrava accettare il ruolo di sorella minore. Mentre Gillian ricordava la vita di sua sorella Joanna, deceduta ad undici anni, Jennifer ricordava quella di Jacqueline, deceduta a sei anni. In un’occasione, le ragazze trovarono in un loft le bambole con cui giocavano le loro sorelle defunte e non solo sapevano a chi appartenevano, ma conoscevano anche gli stessi nomi che avevano dato loro.

Per rendere la situazione delle gemelle Pollock ancora più incredibile, le ragazze avevano anche segni sul corpo che corrispondevano a quelli delle loro due sorelle morte. Jennifer aveva piccoli segni sul naso, casualmente nello stesso posto in cui la defunta Jacqueline aveva subito tre punti, dopo aver battuto il viso quando aveva tre anni. Gillian, nel frattempo, aveva un neo sul lato sinistro della vita, lo stesso segno che aveva la sorella defunta Joanna. In un’occasione, i loro genitori, sorpresi da tutti questi fatti, le sentirono parlare dell’incidente fatale che era costato la vita a Joanna e Jacqueline lo sfortunato 5 maggio 1957, descrivendo sensazioni come il ricordo del sangue che spuntava dalle loro narici e dalle loro bocche. “Non voglio che accada di nuovo a me. Era orribile, le mie mani erano piene di sangue, proprio come il mio naso e la mia bocca. Non riuscivo a respirare, “disse Jennifer, a cui sua sorella Gillian rispose,” Non ricordarmelo, sembravi un mostro e qualcosa di rosso ti uscì dalla testa”.  Le ragazze, inoltre, hanno dimostrato di avere una fobia assoluta per i veicoli. Quando ne vedevano passare uno per strada, istintivamente abbracciavano i loro genitori come per proteggersi.

Tuttavia, dopo che le ragazze hanno compiuto i cinque anni, la stessa età che gli scienziati concordano come una delle soglie per ricordare le vite passate (si dice che i bambini possano ricordare i fatti delle loro vite passate fino ai sette anni), le gemelle Pollock hanno smesso questi strani comportamenti e cominciarono a vivere un’infanzia totalmente normale. Ma erano davvero Jennifer e Gillian, o erano le defunte Joanna e Jacqueline? Di questi casi o simili sembra ne esistano a migliaia tutti molto dettagliati, inspiegabili ed inquietanti… Ma esiste la reincarnazione? Secondo la religione cristiana e cattolica no, in India, per fare un esempio, tutti credono di si.

Share
Precedente Pescato un rarissimo pesce di 300 milioni di anni fa Successivo Kap Dwa il gigante alto 3.5 metri con due teste