Nuovo oggetto interstellare si avvicina alla Terra

Dopo il passaggio del primo oggetto interstellare mai scoperto, Oumuamua, che sfrecciò nel Sistema Solare nel 2017, è in arrivo un altro chiamato C/2019Q4. Questo nuovo oggetto interstellare è stato individuato il 30 agosto dall’astronomo ucraino dilettante Gennady Borisov e da allora gli scienziati di tutto il mondo lo stanno inseguendo. Gli astronomi polacchi e tedeschi hanno confermato che il nuovo oggetto è di origine interstellare ed è già entrato nel nostro Sistema Solare. C/2019Q4 sembra davvero enorme, misurerebbe tra i 2 e i 16 km di diametro. Si sta avvicinando al Sole ad una velocità di 150.000 km / h passerà vicino al nostro pianeta l’8 dicembre.

Oggetto interstellare C2019Q4
Oggetto interstellare C2019Q4

Nonostante i numerosi tentativi di studiarlo, gli scienziati non sanno ancora di cosa si tratti, Forse perché ancora troppo lontano. Molti ipotizzano che l’oggetto interstellare sia una cometa, un viaggiatore interstellare secondo l’astronomo Seth Shostak del SETI Institute: “anche se questo è ciò che crediamo sia il viaggiatore interstellare, non possiamo dire con certezza che non è un disco volante”. E’ quello che ha detto il dottor Shostak al The Sun: “Non possiamo escludere che si tratti di una sonda interstellare. Tuttavia, sono sicuro che l’oggetto che arriverà il mese prossimo è una cometa”. Il dott. Shostak, 76 anni, ha vinto numerosi premi per il suo lavoro, che tra le altre cose, comporta la scansione delle stelle alla ricerca di segnali inviati da possibili civiltà aliene. È uno scienziato di spicco del SETI Institute, un’organizzazione no profit dedicata alla ricerca di segnali inviati da possibili civiltà aliene intelligenti per scoprire se siamo soli nell’universo.

Se C/2019Q4 proviene davvero da un altro sistema stellare, sarebbe solo il secondo oggetto interstellare che ha raggiunto il nostro Sistema Solare. Il primo, un oggetto a forma di sigaro chiamato Oumuamua, battezzato alla fine come probabile strano asteroide, ha scosso il mondo quando si è avvicinato alla Terra nel 2017. Un paio di scienziati di Harvard, affermarono (anche se troppo tardi) che poteva trattarsi di un’astronave aliena, questa affermazione, provocò un’esplosione frenetica di scansioni, inclusi i telescopi azionati dal SETI, ma purtroppo, Oumuamua era stato scoperto troppo tardi ed è passato troppo rapidamente prima che potesse essere determinata la sua vera origine. Le prime immagini rilasciate lunedì del nuovo oggetto interstellare suggeriscono che è seguito da una coda di polvere. Questo è in genere ciò che vedi emergere sul retro di una cometa, anche se gli scienziati dicono che non possono essere sicuri che cosa sia l’oggetto. Ulteriori osservazioni di C/2019Q4 hanno rivelato la forma della sua orbita. Se davvero è un oggetto interstellare, gli scienziati dovrebbero essere in grado di studiarlo nei minimi dettagli questa volta  fino all’inizio del 2021, quando diventerà troppo lontano per vederlo.

Share
Precedente Kap Dwa il gigante alto 3.5 metri con due teste Successivo Agenda 21: eliminazione del 95% della popolazione mondiale nel 2030