Scoperto un nuovo piccolo pianeta nano: Hygeia

Gli astronomi hanno scoperto il nuovo più piccolo pianeta nano nel nostro Sistema Solare e lo hanno chiamato Hygeia. Ha un diametro di circa 430 chilometri. Secondo l’Unione Astronomica Internazionale per essere ufficialmente un pianeta nano, una roccia spaziale deve soddisfare a quattro requisiti: deve orbitare attorno al Sole; non attorno a un pianeta (sarebbe una luna); non può aver liberato il vicinato dalla sua orbita e deve avere una massa sufficiente per avere un equilibrio idrostatico, cioè avere una forma sferica.

Hygeia
Hygeia

Ci sono molti corpi nel Sistema Solare che soddisfano i primi tre requisiti, come nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove, ma ora nuove osservazioni di quella fascia mostrano che uno dei più grandi pezzi di roccia che la compongono potrebbe soddisfare tutti e quattro. Si chiama Hygeia e con i suoi 430 km di diametro è il quarto asteroide più grande della cintura, dietro il pianeta nano Cerere (945 km) e gli asteroidi Vesta (525 km) e Pallas (512 km). Le nuove osservazioni fatte attraverso il Very Large Telescope (VLT) hanno dato dati più precisi. “Grazie alla capacità unica dello strumento SPHERE del VLT, che è uno dei sistemi di imaging più potenti al mondo, siamo stati in grado di osservare in dettaglio la forma di Hygeia, che si è rivelata quasi sferica”, spiega astronomo Pierre Vernazza del Laboratoire d’Astrophysique de Marsiglia, Francia. “Grazie a queste immagini Hygeia potrebbe essere riclassificata come un pianeta nano, il più piccolo del Sistema Solare”

Pianeti nani
Pianeti nani

Secondo le nuove misurazioni, Hygeia ha un diametro di 430 chilometri, con un tempo di rotazione vicino alle 13,8 ore. E sebbene si sapesse che aveva una composizione superficiale e una densità simili a quella di Cerere, i nuovi dati mostrano che è quasi sferico come il suo cugino più anziano. Allo stesso modo, la mancanza di un cratere di grande impatto è un’altra novità interessante, soprattutto perché il nuovo candidato pianeta nano condivide la sua orbita con la sua famiglia, circa 7000 oggetti più piccoli di composizione simile. Si pensa che questo gruppo di corpi si sia formato 2000 milioni di anni fa, durante un evento di impatto. Qualcosa di simile è successo con l’asteroide Vesta, le cui cicatrici da impatto presentano chiare prove di come si è formata la sua famiglia. Tuttavia, dopo aver esaminato le immagini VLT, il team di ricerca ha trovato solo due piccoli e insignificanti crateri su Hygeia, niente di simile alle ferite giganti di Vesta. “Nessuno di questi due crateri potrebbe essere causato dall’impatto causato dalla famiglia di asteroidi Hygeia, il cui volume è paragonabile a quello di un oggetto di 100 km. Sono troppo piccoli “, ha detto l’astronomo Miroslav Brož dell’Istituto astronomico dell’Università Charles nella Repubblica Ceca.

Per risolvere il mistero, il team di ricerca ha fatto ricorso a simulazioni al computer. È così che hanno dedotto che sia la forma sferica di Hygeia sia l’origine della sua “famiglia” sono probabilmente il risultato di una grande collisione frontale con un grande “proiettile” tra 75 e 150 km di diametro. Le simulazioni mostrano che l’impatto violento ha completamente distrutto i “corpi” dei genitori. Una volta riuniti i pezzi risultanti, Hygeia acquisì la sua forma sferica e il resto dei detriti di collisione modellò la sua “famiglia” di migliaia di asteroidi di accompagnamento. “Una collisione di due grandi corpi nella cintura degli asteroidi è qualcosa che non è stato visto per 3 o 4 miliardi di anni”, ha detto Pavel Ševeček, un altro partecipante allo studio. Hygeia ha quasi la metà delle dimensioni di Cerere, che gli permette di conquistare la posizione del più piccolo pianeta nano conosciuto. Ed è possibile che sarà anche il più piccolo corpo del Sistema Solare ad aver raggiunto un equilibrio idrostatico.

Mimas luna Saturno
Mimas luna Saturno

Con i suoi 396 km di diametro Mimas, la 7a luna di Saturno, non è abbastanza grande come corpo celeste, Hygeia è un poco più grande. Se designato ufficialmente come un pianeta nano, espanderà la gamma di dimensioni in cui questi oggetti possono essere trovati, il che significa che potrebbero esserci più pianeti nani là fuori di quanto pensiamo, oltre l’orbita di Nettuno. La ricerca è stata pubblicata su Nature Astronomy .

Share
Precedente Trovato un artefatto misterioso probabilmente alieno Successivo Asteroide 2019UM12 passerà vicinissimo alla Terra sfiorando la Luna