I Menehune nani mitologici delle Hawaii

In tutto il mondo ci sono storie di persone di statura gigante e anche storie di persone relativamente piccole come i mitologici nani Menehune hawaiiani. Queste storie sono quasi sempre chiamate miti ma molte persone, anche se le prove sono sfuggenti, pensano che gli scheletri giganti, ad esempio, siano un segreto attentamente custodito dagli storici e archeologhi classici, come tante altre storie e ritrovamenti. Tuttavia, ci sono molte ragioni per credere che ci sia più di un semplice mito in questi racconti di giganti e nani.

Alekoko Menehune Fishpond Kauai Hawaii
Alekoko Menehune Fishpond Kauai Hawaii

Menehune era la leggendaria razza di piccole persone che lavoravano di notte costruendo stagni di pesce, strade e templi. Nella tradizione hawaiana ci sono molte storie di questo piccolo popolo, sfuggenti di piccola statura, una “tribù pigmea” che viveva nelle profonde foreste delle isole Hawaii. Oggi, la gente locale indica le strutture che queste persone hanno lasciato come prova che i Menehune erano abbastanza reali ed erano i primi coloni delle isole prima dell’arrivo dei polinesiani. Bradda Roy racconta la leggenda del Fishpond sull’isola di Kauai, che la gente del posto dice sia apparso dopo solo una notte al chiaro di luna 1000 anni fa. Il fishpond (lo stagno dei pesci) è una meraviglia ingegneristica, è stato costruito con un muro di pietra lungo 275 metri e alto 1,52 metri. La leggenda narra che i Menehune crearono il muro in una sola notte, incastrando con cura rocce laviche squadrate l’una all’altra prese in una cava distante molti chilometri. Hanno gestito questo incredibile compito in fila dal villaggio di Makaweli per 40 km, passando le pietre mano a mano per costruire lo stagno.

K'kàaola Ditch a Waimea.
K’kàaola Ditch a Waimea.

“La leggenda che circonda il fishpond si basa i mitici nani Menehune delle isole Hawaii che hanno eseguito leggendarie imprese ingegneristiche. Il Menehune viveva nella foresta e si nascondeva dagli umani. Anche se le leggende su questo piccolo popolo abbondano, alcuni dicono che la parola potrebbe essere derivata dalla parola tahitiana Manahune che significa cittadino comune, o di bassa posizione sociale, non in dimensioni fisiche”. Un’altra struttura che i Menehune potrebbero aver costruito nel passato antico è il K’kàaola Ditch a Waimea. Il fosso di irrigazione è stato costruito con 120 blocchi di basalto scolpiti in esecuzione per 61 metri. Il curatore del Museo Kauai, Chucky Boy Chock, racconta i miti su diverse specie, tra cui Menehunia musclaris, boloheadus, kokeee commercialls. La domanda che gli viene sempre posta è: “Ma sono storie vere?” Ci sono alcune prove di questo. Chock indica il fiume Alekoko, così come il Fishpond. Il nome del fiume deriva da un’altra parte della leggenda secondo altre fonti hawaiane. “Si dice che lo stagno dei pesci sia stato costruito su richiesta di un capo di nome Alekoko che ha richiesto uno stagno per se stesso e un altro per sua sorella. I Menehune acconsentirono, ma, come era loro abitudine, insistettero che nessuno li guardasse mentre loro eseguivano il loro lavoro. Tuttavia, quella notte, Alekoko non poté fare a meno, e guardò per vedere come stavano andando i lavori di costruzione del fishpond. I nani fermarono immediatamente il loro lavoro e poi tutti si lavarono le mani insanguinate nel fiume. Questo è il modo in cui il fishpond ha acquisito il suo nome di “Alekoko” che significa “Bloody Ripples” (increspature insanguinate).

Ulteriori prove che i Menehune erano persone reali e non mito, deriva dal fatto che sono stati contati in un censimento della popolazione. Secondo l’Università delle Hawaii alla Manoa Library: “Intorno all’anno 1500, Umi, re della Grande Isola, presumibilmente condusse un censimento del suo regno. Raccogliendo tutta la sua gente su una pianura vicino a Hualalai, istruì ogni persona a depositare una pietra su un mucchio che rappresentava il suo distretto. Il primo censimento della popolazione in epoca storica è stato effettuato nella valle di Wainiha, Kauai, verso l’inizio del XIX secolo. Un attento censimento della valle contava più di 2.000 persone, 65 delle quali furono descritte come Menehune. Diverse storie di questo misterioso popolo rimangono popolari in tutte le isole Hawaii oggi. Alcune storie dicono che erano come elfi, altri dicono che erano normali indigeni di statura media, mentre altre storie sostengono che erano persone tozze e altamente qualificate che erano alti circa 60 cm. Il loro numero potrebbe essere stato in molte centinaia di migliaia in tutte le isole.

La storica Aletha Ka’Ohi della Società Storica di Kaua’i crede che ai Menehune fosse dato il loro nome dai tahitiani come un modo per etichettarli come socialmente inferiori e fossero i discendenti dei primi coloni delle Hawaii. Piuttosto che avere una statura nana, furono invece immaginati in quel modo dagli occidentali che in seguito arrivarono. Secondo i testimoni che condividono le loro storie, i discendenti di Menehune esistono ancora oggi, in alcune isole ed il nome era un “nome schiavo comune”. “In realtà, i Menehune erano persone distinte di un tempo antico”, dice Ka’Ohi. Lo storico e bibliotecario crede che fossero persone reali e descrive attrezzi in pietra unici che un tempo usavano chiamati poi pounders. Un attrezzo simile in pietra è stato trovato a Ua Huka, nelle Isole Marchesi, della Polinesia Francese. Le due isole si trovano a circa 3.650 chilometri di distanza. “Questo tipo di pounder è stato trovato solo sull’isola di Ua Huka e sull’isola di Kaua’i,” dice Ka’Ohi. Aletha Ka’Ohi nota anche differenze nella pronuncia linguistica e nell’ortografia che suggeriscono legami con la Polinesia francese e questo piccolo popolo. Infatti, traccia il suo lignaggio alle Marchesi, e quindi si considera una discendente del Menehune. Altre storie suggeriscono che il Menehune potrebbe essersi ritirato nella vicina Necker Island e potrebbero aver costruito le antiche pietre cerimoniali in piedi che vi si trovano. “Molti antropologi credono che l’isola fosse un sito cerimoniale e religioso. Secondo i miti e le leggende del popolo di Kauai, che si trova a sud-est, Necker Island è stato l’ultimo rifugio conosciuto per il Menehune. Secondo la leggenda, si stabilirono su Necker dopo essere stati cacciati al largo di Kaua’i dai polinesiani più forti e successivamente vi costruirono le varie strutture in pietra.

Homo Floresiensis
Homo Floresiensis

Relativamente vicino alle isole Marchesi sull’isola di Flores, Indonesia, gli archeologi hanno recentemente scoperto una prima specie umana, Homo floresiensis, nel 2003. La specie è stata soprannominata “lo Hobbit” e potrebbe risalire a 190.000 anni. Uno scheletro femminile proveniva da una piccola persona alta 1,10 metri e pesava circa 30 kg. Queste piccole persone conosciute potrebbero essere in qualche modo collegate al Menehune? Secondo lo Smithsonian: “Gli individui di H. floresiensis erano alti circa 1,10 metri, avevano cervelli piccoli, denti grandi per le loro piccole dimensioni, spalle alzate in avanti, senza mento, fronte e piedi relativamente grandi a causa delle loro gambe corte. Nonostante il loro piccolo corpo e le loro dimensioni del cervello, H. floresiensis ha fatto e usato strumenti di pietra, cacciato piccoli elefanti e grandi roditori, ha affrontato predatori come draghi giganti di Komodo, e potrebbe aver usato il fuoco.” Sembra molto probabile che i Menehune fossero persone reali e che i loro discendenti vivano oggi alle Hawaii. I miti continuano a intrattenere le nuove generazioni. Ka’Ohi dice “I bambini amano le storie di Menehune e il momento migliore per queste storie è di notte perché loro lavorano solo di notte”.

Share
Precedente 100 stelle scomparse nel nulla ed il buco nero più grande Successivo Il pianeta Marte non è morto come ci hanno detto