Il mistero dei Wandjina in Australia

Una delle leggende più sconcertanti degli indigeni australiani è quella dei Wandjina, gli esseri spirituali supremi creatori della Terra e dell’umanità. Forse l’arte figurativa più interessante degli indigeni australiani dipinta su rocce e nelle grotte è il modo in cui hanno rappresentato i Wandjina: volti bianchi, privi di una bocca, grandi occhi neri e una testa circondata da un alone o da qualche tipo di casco. Queste pitture rupestri rappresentano i Wandjina: sono la prova ulteriore di visitatori provenienti da altri mondi che hanno interagito con gli esseri umani primitivi?

Wandjina Australia 1
Wandjina Australia 1

Nel 1938, il Dr. Andreas Lommel, membro del Frobenius Institute, visse per diversi mesi nella parte nord-occidentale dell’Australia con una tribù aborigena chiamata Unambal, una cultura che esiste, secondo la storia ufficiale, da almeno 60.000 anni. Durante questo periodo, Lommel osservò e fotografò la vita quotidiana di questi cacciatori-raccoglitori. Tuttavia, ciò che più ha catturato l’attenzione del ricercatore è stata la scoperta di una grotta considerata sacra dagli indigeni. Lì vi è rappresentato l’enigmatico Wandjina, alcune pitture rupestri di esseri mitologici associati alla creazione del mondo. Kimberly è l’unico posto al mondo in cui questi strani esseri sono rappresentati. Secondo i ricercatori, queste pitture rupestri sono molto antiche, proprio come la cultura aborigena che le ha create. Ciò che sembra essere più interessante è lo stile utilizzato dagli aborigeni per rappresentare questi enigmatici esseri divini. I pittogrammi dall’aspetto naturale di Kimberley notano immediatamente la somiglianza con l’immagine stereotipata di un alieno, un “grigio” per l’esattezza.

Wandjina Australia 2
Wandjina Australia 2

Proprio per questo motivo, ci sono molti che si chiedono perché gli indigeni hanno dipinto i Wandjina in questo modo. Perché gli occhi sono sempre stati dipinti in modo così sproporzionato al viso e al naso? E perché tutti questi esseri non hanno la bocca? Le immagini dei Wandjina sono molto sorprendenti, ma ciò che è veramente affascinante è la tradizione orale che si trasmette di generazione in generazione. Come riportato sul sito della Fondazione Bradshaw, gli aborigeni australiani vedono la Terra come il grande serpente Ungut. La Via Lattea sembra un altro serpente chiamato Wallanganda. Questi due serpenti hanno dato origine alla creazione sognando tutte le creature che vivono sulla Terra, compresi gli spiriti ancestrali delle popolazioni indigene, così come i Wandjina che hanno portato pioggia e fertilità. Nella mitologia aborigena, si dice che i Wandjina sono gli spiriti (o dei) che vivevano durante il periodo della Creazione. Dopo la creazione questi scesero verso la Terra dal cielo al tempo dei sogni, e viaggiarono in tutta la regione, girovagando per la zona.

Secondo l’artista Mowanjum Mabel King, durante il Lai Lai (il tempo della creazione o dei sogni), Wallungunder, il “Grande Capo” Wandjina, proveniva dalla Via Lattea per creare la Terra e tutti i suoi abitanti. Hanno anche creato gli esseri umani. Questi primi abitanti furono i Gyorn Gyorn. Gli indigeni raccontano che il Gyorn non aveva leggi o parenti e Wallungunder, il Grande Capo degli dei Wandjina, vide che poteva fare del bene con queste persone, così tornò alla Via Lattea e portò molti altri simili per aiutarlo a portare leggi e parenti ai Gyorn Gyorn. La mitologia di “Dream Time” (tempo dei sogni) dice che il Wandjina è emerso dalle nuvole, ed è tornato nello stesso modo. Allo stesso modo, alcuni membri della tribù dicono che questi esseri supremi sono tornati in cielo, e ora possono essere visti di notte come le luci che si muovono sulla Terra.

Share
Precedente Il pianeta Marte non è morto come ci hanno detto Successivo Enochiano il linguaggio perduto degli angeli caduti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.