Il polo nord magnetico terrestre si sposta dal Canada alla Russia

Il nostro pianeta indossa il suo campo magnetico come un cappotto di grandi dimensioni dove il polo nord magnetico è un punto di riferimento importantissimo. Ma questo punto scorre e si sposta, ciò significa che il polo nord magnetico è destinato ad avvicinarsi sempre di più alla costa della Siberia nel prossimo decennio lasciando velocemente il Canada.

Polo Nord magnetico
Polo Nord magnetico

Questo movimento è sempre stato un mistero anche se si conosceva che era dovuto alle forze geologiche del pianeta. Ora, potremmo essere un po’ più vicini a capire cosa sta succedendo ed il perché. I ricercatori dell’Università di Leeds nel Regno Unito e dell’Università Tecnica della Danimarca hanno analizzato 20 anni di dati satellitari, scoprendo che una concorrenza monolitica tra due lobi di diversa forza magnetica vicino al nucleo potrebbe essere la causa del vagabondare del polo. Quando la posizione precisa del polo nord magnetico della Terra è stata scoperta per la prima volta nel 1831, si trovava esattamente nell’angolo canadese dell’Artico, sulla penisola di Boothia nel territorio del Nunavut. Da allora, nuovi set di misurazioni hanno registrato questa deriva spot a nord ad una media di circa 15 chilometri all’anno. La tecnologia avanzata consente oggi di tenere sotto controllo la posizione del polo con una precisione senza precedenti. Prima degli anni ’70, il movimento della posizione del polo nord magnetico era simile al barcollare di un ubriaco. Da allora, ha avuto un andamento più deciso marciando in linea retta e aumentando la velocità.

Dagli anni ’90, il movimento del polo nord magnetico è quadruplicato in velocità, fino a raggiungere l’attuale passo tra 50 e 60 chilometri all’anno. Alla fine del 2017, lo sprint del polo magnetico lo ha portato a 390 chilometri dal polo nord geografico. Sulla sua traiettoria attuale, possiamo aspettarci che si trovi tra i 390 e i 660 chilometri più avanti lungo il suo viaggio di dieci anni, portandolo all’interno di un baffo dei limiti settentrionali del Mare della Siberia orientale. Il rapido spostamento è una preoccupazione per i sistemi di navigazione che si basano su calcoli individuati della posizione del polo, costringendo il National Geophysical Data Center degli Stati Uniti a velocizzare i suoi soliti aggiornamenti al World Magnetic Model lo scorso anno. Ciò di cui il mondo ha realmente bisogno è una solida idea dei meccanismi fisici alla base di questo spostamento del polo nord magnetico, consentendo previsioni accurate sui movimenti magnetici del pianeta. Così gli scienziati Philip Livermore e Matthew Bayliff dell’Università di Leeds nel Regno Unito e Christopher Finlay della Technical University of Denmark hanno esaminato 20 anni di dati geomagnetici dalla missione Swarm dell’ESA.

Bussola e polo nord magnetico
Bussola e polo nord magnetico

La direzione del polo si allinea ordinatamente con due anomalie chiamate flussi magnetici negativi, uno in profondità sotto il Canada e l’altro sotto la Siberia. “L’importanza di queste due patch nel determinare la struttura del campo vicino al polo nord magnetico è ben nota da diversi secoli”, notano i ricercatori nel loro rapporto recentemente pubblicato. Questi grandi lobi del magnetismo crescono e si restringono con il tempo, avendo un profondo effetto sul campo magnetico che percepiamo sulla superficie. Tra il 1970 e il 1999, i cambiamenti alle interazioni tra il mantello che scorre e il nucleo denso e filante del pianeta causarono l’allungamento della macchia sotto il Canada, riducendo la forza del campo magnetico corrispondente cadente in cima. “Ora storicamente, la patch canadese ha vinto la guerra ed è per questo che il polo è stato centrato sul Canada”, ha detto Livermore al programma Today di BBC Radio 4 in una recente intervista. “Ma negli ultimi decenni, la patch canadese si è indebolita e la patch siberiana si è leggermente rafforzata, e questo spiega perché il polo ha improvvisamente accelerato lontano dalla sua posizione storica”.

Anche se questo significa che possiamo aspettarci che il polo nord magnetico continui a correre ancora un po’, non ci dice esattamente dove si fermerà, per quanto tempo si fermerà o quando e se tornerà alla posizione originale. C’è una quantità incredibile di forze che non conosciamo nel motore che sgorga nelle viscere del nostro pianeta. Dato che ampie registrazioni geologiche suggeriscono fluttuazioni significative nel suo campo magnetico protettivo, dovremmo davvero sapere molto di più. Avremo bisogno di più modelli come questo, se vogliamo avere una speranza di prevedere dove finiranno i poli magnetici del nostro pianeta in futuro e se davvero potrebbe verificarsi la tanto temuta inversione dei poli. Questa ricerca è stata pubblicata su Nature Geoscience.

Share
Precedente UFO sopra l’antico Egitto del faraone Thutmose III? Successivo Gli sconcertanti misteri delle isole